26 agosto 2019

Nord-Est

Post choc di leghista: "Nessuno stupra la Kyenge?

commenti | (3) |

PADOVA - Pubblica su Facebook la foto del ministro Cecile Kyenge, e scrive in maiuscolo "MA MAI NESSUNO CHE LA STUPRI, COSI' TANTO PER CAPIRE COSA PUO' PROVARE LA VITTIMA DI QUESTO EFFERATO REATO??????? VERGOGNA!": l'autrice del post è Dolores Valandro, consigliera leghista di quartiere a Padova.

 

Valandro - da circa un mese sospesa dalla Lega per contrasti interni al partito - commenta così un articolo di un sito specializzato nella pubblicazione di 'crimini degli immigrati', nel quale si parla di un presunto tentativo di stupro a una donna italiana da parte un uomo africano. Il post di Valandro è rilanciato da molti internauti che esprimono la propria indignazione per le parole della consigliera leghista.

 

Il post è stato immediatamente condannato dal collega di partito e presidente de Veneto Luca Zaia, che ha ritenuto il commento un "insulto ai veneti". "Chieda scusa  - ha dichiarato Zaia - chi oggi con un post vergognoso ha insultato anche i veneti e una regione come il Veneto, dove l'integrazione funziona e, da sempre, rappresenta un modello a livello nazionale. Si tratta di un episodio da cui prendo le distanze e che condanno senza 'se' e senza 'ma'".

 

"La nostra regione - aggiunge Zaia - è uno dei migliori esempi di un'integrazione possibile. Sono moltissimi gli stranieri che vivono nelle nostre comunità e si sono integrati alla perfezione lavorando onestamente ed entrando in sintonia con le nostre comunità. Noi stiamo con chi rispetta le regole. E' questa l'integrazione che vogliamo e che ci piace". "Gli episodi come quello di oggi - conclude - non appartengono alla cultura e alla mentalità dei veneti e per questo ribadisco con forza la mia condanna ad un attacco vile ed ingiustificato".

 

Anche la Rete degli Studenti medi del Veneto e l'Unione degli Universitari di Padova, Venezia e Verona, "condannano con forza le aberranti parole espresse dalla consigliera di circoscrizione padovana Dolores Valandro su Facebook" ai danni del ministro Cecilie Kyenge. "Riteniamo le parole della Valandro - rilevano gli studenti in una nota - lesive della dignità del ministro Kyenge e di tutte le donne vittime di violenze sessuale. Ne chiediamo le immediate dimissioni dal ruolo di amministratrice pubblica della città di Padova, ruolo che non spetta a razzisti e xenofobi".

 

"Ci sentiamo estremamente amaraggiati e indignati dalle folli dichiarazioni della consigliera che riaccendono un vento di odio e xenofobia all'indomani dell'incontro pacificatore che abbiamo avuto lunedì scorso con la stessa ministra Kyenge" dichiara Enrico Mazzo, rappresentante del Liceo Cornaro e coordinatore della Rete degli Studenti Medi padovana. "Gli studenti hanno spinto per un incontro volto al dialogo e alla promozione della cultura del rispetto del diverso - ricorda -, per ammorbidire il clima teso delle ultime settimane dopo la comparsa di una scritta razzista rivolta al ministro sui muri del nostro Liceo".

 

Commenta questo articolo


non è Odissea nello spazio, non sono rimasti solo loro sul pianeta Terra alla deriva.....ma come fa un imprenditore minimamente erudito e studiato a spiegare ad un tedesco, inglese, cinese e americano che in Italia ci sono personaggi degni del Ku Klux Klan? Che odiano così tanto i propri simili cristiani che li vorrebbero in pasto ai cani...i leoni li usavano fino al 500 d.C. circa negli anfiteatri.....per carità se tornasse a questo mondo Gesù Cristo, loro lo metterebbero al rogo o a pedate nel sedere, perchè extracomunitario ed in effetti Israele è in Asia......Forse non si rendono conto che all'estero le notizie viaggiano e anche le altre nazioni si fanno un idea....Perchè fare affari con gente così? Se ti imbroglian alla prima occasione? Perchè andare in vacanza in certe zone se paghi un gelato 30€? E' la mentalità da cambiare....forse lo capiranno i figli di questi qui, i genitori son andati, per fortuna la maggioranza dei Veneti non è così.

segnala commento inopportuno

non è Odissea nello spazio, non sono rimasti solo loro sul pianeta Terra alla deriva.....ma come fa un imprenditore minimamente erudito e studiato a spiegare ad un tedesco, inglese, cinese e americano che in Italia ci sono personaggi degni del Ku Klux Klan? Che odiano così tanto i propri simili cristiani che li vorrebbero in pasto ai cani...i leoni li usavano fino al 500 d.C. circa negli anfiteatri.....per carità se tornasse a questo mondo Gesù Cristo, loro lo metterebbero al rogo o a pedate nel sedere, perchè extracomunitario ed in effetti Israele è in Asia......Forse non si rendono conto che all'estero le notizie viaggiano e anche le altre nazioni si fanno un idea....Perchè fare affari con gente così? Se ti imbroglian alla prima occasione? Perchè andare in vacanza in certe zone se paghi un gelato 30€? E' la mentalità da cambiare....forse lo capiranno i figli di questi qui, i genitori son andati, per fortuna la maggioranza dei Veneti non è così.

segnala commento inopportuno

"consigliera leghista di Quartiere " cosa significa?
E' un consigliere comunale, provinciale, regionale..... cosa?
Solo di quartiere ? E cosa parla, si fa portavoce di chi ? con quale potere ? si è montata la testa ?
A casa, a casa.... mia, chè ti voglio far provare l'emozione...(se merita, sennò se è un cesso, no)

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento

immagine della news

31/10/2017

"Quel volantino è vergognoso"

Pioggia di critiche dopo i manifestini della Lega Nord contro il sindaco di Casier, rea di non aver votato al Referendum per l'autonomia del Veneto

immagine della news

31/10/2017

Volantino contro il sindaco, parte la denuncia

Il primo cittadino di Miriam Giuriati ha denunciato gli autori di un volantino, a firma Lega Nord-Liga Veneta, con l'accusa di non essere andata a votare al referendum per l'autonomia del Veneto

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×