23/09/2018nuvoloso

24/09/2018quasi sereno

25/09/2018sereno

23 settembre 2018

Esteri

"Preferisco morire che defecare". Trattiene le feci per 47 giorni in cella, poi viene ricoverato

commenti |

Non si sa se, alla fine, l’abbia fatta o no ma L.C., dopo essere rimasto senza defecare per 47 giorni, è stato rilasciato dalla polizia e portato in ospedale per le dovute cure. La storia del 24enne inglese fermato il 17 gennaio dalla polizia con il sospetto che avesse degli ovuli di cocaina nell’intestino, era diventata un caso internazionale: come può, una persona, non andare in bagno per 47 giorni?

 

La scorsa settimana la polizia ha dichiarato: “Caso chiuso, il giovane va rilasciato. Necessita di cure ospedaliere”

 

Il 38esimo giorno di detenzione l’avvocato del giovane aveva dichiarato che questo “preveriva morire” piuttosto che defecare. E dopo 10 giorni dalla dichiarazione, per evitare che ci fosse davvero un decesso, il ragazzo è stato portato in ospedale.

 

Non si conoscono ora le sue condizioni di salute, ma la polizia ha le orecchie alzate. La salute prima di tutto, ma la giustizia arriva al secondo posto.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×