20/05/2018possibile temporale

21/05/2018velature sparse

22/05/2018temporale e schiarite

20 maggio 2018

Cronaca

Prendono a sprangate il bullo del figlio

commenti |

Picchiato a colpi di spranga dai genitori di un bambino di 10 anni che aveva umiliato pubblicamente. Accade a Ragusa, dove la Polizia ha denunciato per rissa una coppia di albanesi e il bullo 16enne, che domenica 8 aprile si era pulito le scarpe sulla faccia e sui vestiti del bimbo.

 

A interrompere la vera e propria spedizione punitiva è stato un poliziotto libero dal servizio che passando in auto da via Coljanni, davanti l'ingresso di una sala giochi, ha notato un uomo armato di spranga in ferro picchiare un ragazzo, mentre altri scappavano via. L'intervento immediato ha posto fine alla furia dell'aggressore, che ha gettato subito la spranga.

 

Insieme a lui anche la moglie, armata di una stecca da biliardo anche questa subito gettata a terra. Grazie alle immagini dell'impianto di videosorveglianza e ai racconti dei testimoni gli investigatori sono riusciti a ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. A scatenare la rissa era stato un atto di bullismo.

 

Gli amici del 16enne avevano tirato un uomo e alcuni schizzi erano finiti sulle scarpe del ragazzino facendo ridere tutti. Pensando che l'uovo fosse stato lanciato proprio dal bimbo, il 16enne, però, lo aveva aggredito e spinto a terra. Poi lo aveva umiliato pulendosi le scarpe prima sulla sua faccia e poi sui vestiti.

 

Una volta a casa il bambino ha raccontato tutto ai genitori che hanno deciso di farsi giustizia da soli. Giunto nella sala giochi frequentata dai ragazzi del quartiere, il padre della piccola vittima ha chiamato il 16enne e lo ha preso a schiaffi. Poi si è allontanato tornando subito dopo armato di spranga, deciso a punire i ragazzi che avevano umiliato il figlio.

 

Mentre sferrava i primi colpi con la spranga, il 16enne lo ha colpito con un casco. E' stato a quel punto che anche la moglie dell'uomo è intervenuta, impugnando una stecca da biliardo e minacciando tutti di non avvicinarsi mentre il marito si faceva giustizia da solo. Il bullo, inseguito dal suo aggressore, ha raggiunto l'uscita e qui, sotto l'occhio della telecamere, è stato pestato fino all'arrivo del poliziotto. Per la coppia e per il 16enne è così scattata la denuncia per rissa.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×