19/07/2018sereno

20/07/2018possibile temporale

21/07/2018possibile temporale

19 luglio 2018

Treviso

"Presunte relazioni amorose? Solo falsità"

Il sindaco di Spresiano Della Pietra, respinge su Facebook le voci di flirt all'interno dello staff:"Solo bugie di miserabili"

commenti |

SPRESIANO - “Durante queste festività mi sono giunte all’orecchio alcune voci in ordine a mie presunte relazioni amorose, addirittura con membri del mio staff. Ebbene, premettendo che sono innamorato follemente di una persona ed una sola. Uso il social per dire agli individui che mettono in giro certe porcherie di vergognarsi profondamente”.

E’ lo sfogo del sindaco di Spresiano Marco Della Libera, scritto ieri sulla sua pagina Facebook, intitolato “Comunicazione personale” ,per mettere fine alle malelingue che circolano sul suo conto a Spresiano sulle sue presunte relazioni sentimentali all’interno del Comune. “Se devo essere attaccato per la mia attività amministrativa sono qui e non ho paura di niente e di nessuno. Ma a sentire certe schifezze che mirano a destabilizzare la mia sfera privata proprio non ci sto”- si legge nel post.


Poi rivolgendosi direttamente a chi ha messo in giro questi pettegolezzi scrive: “Pensate al male che fate gratuitamente con le vostre bugie a persone che nemmeno conoscete. Ma quanto miserabili siete? 
Comunque, tranquilli, fortunatamente la maggior parte delle persone sa che sono solo voci messe in giro perché siete mossi dall’invidia e dal fatto che conducete una vita grigia. 
Provate a vivere a colori senza dire le bugie, infimi”.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×