21/09/2018sereno

22/09/2018possibile temporale

23/09/2018quasi sereno

21 settembre 2018

Cronaca

#primeleitaliane, la risposta social a Pontida

commenti |

"I loro sorrisi sono la risposta all'Italia razzista di Pontida. L'Italia multiculturale nata dal sogno repubblicano non verrà fermata". Così Roberto Saviano, nel giorno del raduno leghista, celebra la vittoria delle azzurre Libania Grenot, Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso e Raphaela Lukudo ai Giochi del Mediterraneo di Tarragona.

 

Le quattro atlete, arrivate prime nella staffetta 4X400, sono state immortalate dopo la vittoria in una foto diventata in poche ore virale sul web. Lo scatto, accompagnato dall'hashtag #primeleitaliane - versione provocatoria del celebre motto della Lega "prima gli italiani" - è infatti stato interpretato da molti utenti, celebri e non, come simbolo dell'Italia antirazzista. A partire dall'ex premier Matteo Renzi che, definendo il trionfo delle connazionali "la notizia più bella di ieri", commenta entusiasta: "Vince l'Italia che non ha paura".

 

"4X400 tutta nera e tutta Italiana!!! Grandi ragazze!!!!", gli fa eco l'attore romano Alessandro Gassmann su Twitter. E ancora, "L'Italia più bella: integrata,solidale e Donna", "Realtà 1 - #Salvini 0. Sono fiera di essere rappresentata da queste stupende atlete", si legge in alcuni tweet. C'è chi si limita a congratularsi con le azzurre - "Grazie ragazze! #primaleitaliane" - e chi, invece, ci va giù pesante: "Alla faccia di #Pontida18 dove buffoni vestiti da vichinghi sparano fesserie". E c'è anche chi, infine, in poche battute riesce a sintetizzare il pensiero di tanti: "Quando una foto non è solo una foto".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×