22 luglio 2019

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Pro Loco, si riparte

Dopo lo stop solidale per Scapol, indagato per il disastro del Molinetto, le attività ricominciano

Claudia Borsoi | commenti |

REFRONTOLO – Con la “Mostra dei vini” riparte ufficialmente l’attività della Pro Loco di Refrontolo, dopo quasi un anno di stop.

 

Nel maggio dello scorso anno, i volontari dell’associazione in segno di solidarietà verso il loro presidente Valter Scapol rinviato a giudizio per il disastro del Molinetto della Croda, decisero di sospendere ogni iniziativa a tempo indeterminato. Alla Pro Loco si unirono in quei mesi numerose associazioni del paese che incrociarono le braccia, di fatto azzerando le attività in paese.

 

Ora, passati i mesi, la decisione di ripartire. «Se escludiamo il panevin della sera del 5 gennaio, questa è la manifestazione più importante con cui la nostra Pro Loco riparte – conferma il presidente, da poco riconfermato alla guida della Pro Loco -. Ripartiamo con uno stato d’animo abbastanza positivo, con un rinnovato consiglio che conta volti nuovi, giovani e anche numerose quota rosa, con nuove iniziative e idee».

 

Archiviata la “Mostra dei vini”, la Pro Loco sarà alla regia, il 20 luglio, della Sagra di Santa Margherita, patrona di Refrontolo che lo scorso anno non si tenne. E poi, a fine novembre, l’appuntamento sarà con la “Mostra dei passiti”. «L’iter giudiziario continua sulla sua strada – afferma Scapol con riferimento alla vicenda legale che lo vede coinvolto in prima persona – e la Pro Loco è giusto che vada avanti».

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×