20/07/2018possibile temporale

21/07/2018possibile temporale

22/07/2018possibile temporale

20 luglio 2018

Oderzo Motta

Profughi al lavoro: "Nessun illecito"

Nota della Prefettura sulla questione della cooperativa che offre lavoro ai profughi dell'ex caserma Zanusso a Oderzo

commenti |

l'ingresso della caserma Zanusso in una foto d'archivio

ODERZO - Profughi inseriti nel mondo del lavoro, la Prefettura segnala che non ci sono procedure irregolari. In una nota, la Prefettura spiega la situazione "riguardo alle notizie in ordine a possibili forme irregolari di inserimento nel mondo del lavoro di richiedenti asilo presenti ad Oderzo".

L’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Treviso, su specifica richiesta della Prefettura, ha appurato che l’attività della Nova Facility s.r.l., società capofila del R.T.I. gestore del centro di accoglienza straordinaria ex Caserma Zanusso, "non presenta illeciti, in particolare riferimento al quadro normativo concernente l’attività di intermediazione tra domanda e offerta di lavoro» spiega una nota della prefettura stessa".

"L’Ispettorato ribadisce che si tratta di valutazioni effettuate sulla base degli elementi ad oggi acquisiti nell’ambito di verifiche ancora in corso".

La polemica era scoppiata a Oderzo qualche giorno fa dopo l’allarme del primo cittadino Maria Scardellato in un'intervista televisiva.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

14/12/2017

Profugo investito a Oderzo

L'episodio è accaduto mercoledì poco prima delle 20 lungo la Postumia, all'altezza del rondò di via Spiné

immagine della news

23/07/2017

"Migranti utilizzati come schiavi"

Una cooperativa propone i rifugiati come stagisti alla ditte, con stipendi di 400 euro mensili. La protesta del sindaco di Oderzo Maria Scardellato

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×