24/10/2017sereno

25/10/2017velature sparse

26/10/2017sereno con veli

24 ottobre 2017

Castelfranco

Profughi a Castello di Godego? “Non c’è posto, ma si può affittare”

Dopo i solleciti della Prefettura il sindaco si rivolge ai cittadini

commenti |

CASTELLO DI GODEGOStando ai calcoli effettuati dalla Prefettura di Treviso, al Comune di Castello di Godego, in base alla popolazione, potrebbero spettare 23 profughi. Ma da alloggiare dove? Spazi pubblici disponibili non ce ne sono, per cui il sindaco annuncia ai cittadini che se vogliono possono affittare loro degli immobili sfitti e che il Comune vigilerà.

La cosa viene spiegata nel sito dell’ente in un comunicato del sindaco Pier Antonio Nicoletti. In base a quanto afferma il primo cittadino, la Prefettura chiede mensilmente se ci siano spazi per i profughi e che il Comune ha già risposto di no.

 

Per questo, in seguito all’ultimo invito da parte della Prefettura a reperire spazi, il sindaco stesso, ribandendo che non ce ne sono, si è comunque rivolto ai cittadini, dicendo in sostanza che chi vuole può affittare mettendosi in contatto con la Prefettura ed osservando tutte le prescrizioni.

 

“In ottemperanza dell’ulteriore avvertimento ricevuto si è nell’obbligo di comunicare ancora che chi fosse intenzionato eventualmente a mettere a diposizione propri ambienti da cedere per ospitare profughi che il Governo accoglie, di mettersi in contatto con la Prefettura – viene spiegato -. Si precisa che come richiesto dall’Ordinamento giuridico e dalla Prefettura stessa all’Autorità locale (Sindaco), nel provvedere al puntuale mantenimento dell’ordine pubblico e della sicurezza e sanità pubblica, che l’eventuale disponibilità dovrà essere pienamente rispettosa dei regolamenti sanitari ed edilizi vigenti e tale rispetto sarà come è doveroso debba essere, puntualmente verificato in forma preventiva che nel corso dell’ospitalità. Eventuali inosservanze provocheranno l’immediato sgombero con addebito di tutti i conseguenti costi”. 

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×