16/07/2018possibile temporale

17/07/2018quasi sereno

18/07/2018quasi sereno

16 luglio 2018

PROFUGHI NELLA MARCA

Tanti slogan e poche idee per affrontare la situazione

immagine dell'autore

Stefania De Bastiani

 

 

TREVISO - Era il 2011 quando, in Prefettura a Treviso, si iniziava a trattare il tema "profughi". Nessuna emergenza, ma qualche vertice era necessario per organizzare al meglio l'accoglienza delle persone che stavano raggiungendo la nostra provincia.

 

Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta.

Tutti (o quasi) erano disposti a fare la loro parte. Persino il presidente del Veneto Luca Zaia, che nel 2011, all'arrivo dei primi 700 migranti, ha dichiarato: "I profughi vanno accolti". Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta. Definisce l'arrivo dei migranti un'invasione e con lui sta la maggior parte dei sindaci del trevigiano.

 

Pure Manildo, a febbraio, ha detto: "Ora basta". Ma mentre gli amministratori alzano barriere di parole e rifiuti, ragazzi, donne e bambini africani e asiatici continuano a raggiungere la nostra regione. Scappano dalla guerra, dalla fame, dalle persecuzioni, attraversano il Mediterraneo in condizioni disumane. Coloro che sopravvivono al viaggio e ai soprusi, arrivano qui. In Italia, in Veneto, a Treviso. Dove vengono accolti da quelle poche strutture che si rendono disponibili a dare a queste persone un letto dove dormire.

 

Ma ciò che chiedono i profughi non è tanto il pane o il tetto quanto la possibilità di guadagnarselo da soli. Qui, o altrove. Ovunque.

 

Quanti sono? Dove sono? Quanti soldi prendono?

I profughi si raccontano

Che fare? Partecipa al sondaggio


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Argomenti del Dossier

Migranti, c'è l'accordo Ue. "L'Italia non è più sola"

Accordo alle prime luci dell'alba a Bruxelles sui migranti. "I 28 leader hanno trovato un'intesa sulle conclusioni del Consiglio europeo, inclusa l'immigrazione", ha annunciato su Twitter il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk al termine di una maratona notturna per la difficile...

#Chiudiamoiporti. Salvini sfida Malta

"#Chiudiamoiporti". E' con questo hashtag, accompagnato da un tweet con una foto che lo ritrae a braccia incrociate e con lo sguardo deciso, che il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, conferma la decisione di non accogliere nei porti italiani la nave Aquarius, con oltre 600...

Fiorella Mannoia

Fiorella Mannoia: "Ognuno a casa sua, ma anche noi"

"Ognuno a casa sua, ma deve valere anche per noi!! Anche basta!". E' questa la conclusione del post di Fiorella Mannoia che, parafrasando lo slogan utilizzato per i migranti 'Aiutiamoli a casa loro'

200 sopravvissuti sono stati trasportati a Tripoli

"Mangiati dagli squali", affonda barcone in Libia

Sono almeno 25 i migranti che hanno perso la vita in seguito al naufragio del barcone sul quale viaggiavano al largo della costa occidentale della Libia.

Migranti, altre 2 Ong sospendono i soccorsi

A poche ore dalla decisione di Medici senza frontiere altre 2 Ong hanno sospeso i salvataggi nel Mediterraneo. "Cari amici, oggi abbiamo deciso a malincuore di sospendere temporaneamente le nostre missioni di salvataggio nel Mediterraneo" scrive su Twitter il direttore di Sea-Eye, Michael Busch...

Solidarietà del vescovo al parroco. "Nessuna speculazione economica"

Il parroco di Gaiarine ha seguito le indicazioni di Papa Francesco

GAIARINE - Il vescovo di Vittorio Veneto, mons. Corrado Pizziolo, esprime piena solidarietà al parroco di Gaiarine don Pietro Salvador che si è adopeato per trovare ospitalità ad alcuni giovani richiedenti asilo.

Migranti: c'è intesa tra Italia, Francia e Germania

Trovato l'accordo tra Italia, Francia e Germania. A quanto si apprende, la questione migranti avrebbe fatto registrare a Parigi una "piena intesa" per il sostegno all'Italia da parte di Francia e Germania.


foto dell'autore

Stefania De Bastiani


SEGUIMI SU:

Altri dossier

14/11/2015

Strage di Parigi

Terrore a Parigi sconvolta venerdì sera (13 novembre 2015) da una serie di attentati.

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese
*/ ?>
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×