20/01/2018piovaschi e schiarite

21/01/2018quasi sereno

22/01/2018velature sparse

20 gennaio 2018

Montebelluna

Protezione Civile, 13mila ore di servizio gratuito

A Montebelluna c’è stato un aumento di 4mila ore rispetto al 2016

commenti |

Protezione Civile

MONTEBELLUNA - Sono 1.3816 le ore di servizio gratuito svolte nel 2016 dal Nucleo Comunale Pronto Intervento della Protezione civile di Montebelluna. Un dato eccezionale che mette in evidenza un aumento sorprendente di circa 4mila ore rispetto a quelle prestate nel 2016. È questo uno dei dati del rapporto annuale della struttura che vede impegnate 50 persone, cui si aggiungono circa cento volontari che contribuiscono alla gestione della sicurezza e delle situazioni di emergenza del territorio.

 

Un impegno che, a livello generale, si è tradotto in 280 interventi alluvionali, di supporto alla Polizia locale, al Suem, alle istituzioni, per la cattura di animali. Oltre a questo tutti i fine settimana sono stati garantiti i servizi di supporto alle varie manifestazioni e alle Istituzioni. Si tratta di una struttura, quella della Protezione civile montebellunese, riconosciuta ai massimi livelli quale sede Coc (Centro operativo comunale), sede Com (Centro operativo misto), e Capo Mandamento per le necessità istituzionali. 

 

Questi nel dettaglio gli interventi:

7 corsi di formazione, giornate studio per il volontariato 6 giornate studio rivolte ai giovani e alle famiglie

4 interventi di assistenza a grandi eventi popolari

2 collaborazioni con Carabinieri secondo il protocollo per il ritrovamento e brillamento degli ordini bellici

7 interventi urgenti per neve

12 ricerche di persone scomparse, disperse

3 TSO notturni eseguiti e 7 accompagnati in Psichiatria

4 persone indigenti assistite

38 serate di distribuzione viveri di prima necessità per famiglie bisognose.

39 interventi di recupero salme richiesti dall'autorità di Polizia giudiziaria

27 atterraggi di elicotteri istituzionali nella piazzola 

 

“Anche quest'anno l'azione della Protezione civile è supportata da dati che ne evidenziano come nell'aiutare i più bisognosi anche in situazioni grande marginalità o nel ricercare le persone scomparse - commenta il vicesindaco e assessore alla Protezione civile, Elzo Severin -. Un lavoro nascosto e gratuito che, se volessimo tradurre in termini economici, tocca quasi i 125mila euro. A queste persone va il nostro più sentito ringraziamento per l'impegno civile e sociale che quotidianamente dimostrano”.

 

“Per chi ama gli anglicismi gli uomini e le donne della Protezione civile sono i nostri City Angels - afferma il sindaco Marzio Favero -. In questi quasi sette anni di percorso quello che ho colto è l'urgenza di queste persone di fare qualcosa di buono per la loro comunità: sono presenti nelle manifestazioni di giorno e di notte, accorrono quando c'è una persona dispersa da trovare, raccolgono i feriti o i deceduti quando ci sono incidenti e sono chiamati dalle Forze dell'ordine o dalla Polizia locale. Se c'è un'emergenza qualsiasi, un'alluvione o rami caduti nelle strade, sono lì a ricreare le condizioni di sicurezza per gli altri. In una quotidianità segnata da così tante provocazioni, la loro presenza è una provocazione positiva che rende più viva e solidale la nostra città. Grazie, non solo a nome mio personale e dell'amministrazione, ma a nome di tutti i cittadini”.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.927

Anno XXXVII n° 1 / 18 gennaio 2018

LUDOVICO GIRARDELLO

Il giovanissimo attore vittoriese - protagonista de “Il ragazzo invisibile. Seconda generazione” di Gabriele Salvatores - racconta qualcosa di sè. Della città in cui vive (definita da Mymovies “piccolo paesino in provincia di Treviso”). Delle sue passioni. Omettendo (vedi la classe?) nome e cognome della fidanzata

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×