22 settembre 2019

Nord-Est

Pubbliche calamità: presentata oggi l'esercitazione "Galileo 2014"

Esercito e Protezione Civile si preparano insieme per affrontare le calamità

commenti |

PADOVA – Si avvicina il 20 giugno, data prevista per lo svolgimento, a Padova, dell’esercitazione “Galileo 2014”, nel corso della quale si ipotizzerà il possibile scenario derivante dall’esondazione del fiume Bacchiglione in un punto della Città a seguito di un periodo di forti piogge, situazione aggravata dall’accidentale scoppio di un ordigno bellico del secondo conflitto mondiale, con conseguente rottura del profilo arginale e relativa situazione di grave pericolo per i residenti.

Reparti dell’Esercito e personale di tutte le componenti del Servizio Nazionale della Protezione Civile, normalmente operanti in questo tipo di emergenze, si eserciteranno, in maniera congiunta, al fine di migliorare le rispettive procedure d’intervento.

Il Generale C.A. Bruno Stano, alla guida del Comando Forze di Difesa Interregionale Nord, ha illustrato oggi come il suo Comando in particolare e, più in generale, la Forza Armata, grazie alla capacità “dual-use” dei propri reparti, oltre all'impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d'intervenire nei casi di pubbliche calamità e utilità, in ogni momento, a supporto della popolazione su tutto il territorio nazionale. Anche recentemente, d’altro canto, l’Esercito ha dimostrato di essere una reale risorsa, pronta e flessibile al servizio del Paese, prodigandosi in numerosissimi e diversificati interventi in occasione delle eccezionali ondate di maltempo che hanno colpito la Penisola durante i primi mesi dell’anno.

All’esercitazione “Galileo 2014” saranno presenti il Prefetto Franco Gabrielli, Capo del Dipartimento della Protezione Civile e il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

29/06/2015

Lavoro e combattimento

L’Arma del Genio celebra la sua festa con l’esercitazione Smart Sapper

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×