22/02/2018pioggia debole

23/02/2018pioggia debole

24/02/2018variabile

22 febbraio 2018

Quando la Chiesa rovina se stessa

Categoria: No profit e attivismo - Tags: cappellani militari, pinotti, cappellani ospedale, obiettori di coscienza

immagine dell'autore

Mario Marangon | commenti |

Il titolo potrebbe anche essere «quando la sinistra rovina se stessa» oppure «quando la Lega rovina se stessa» oppure «quando la Destra rovina se stessa». Chissà, potrebbero diventare tre Blog sui quali ragionare, ma forse anche una decina…

Dopo lunghe trattative iniziate nel 2015 il Premier Gentiloni ha approvato lo schema di accordo tra lo Stato Italiano e la Santa Sede sui cappellani-militari, più noto come «Schema di intesa per l’assistenza spirituale alle Forze Armate». A nulla sono valsi i tentativi di mons. Marcianò e di mons. Frigerio che avevano avanzato l’ipotesi di smilitarizzare i cappellani militari. I Cappellani continueranno ad appartenere alle Forze Armate -qui nessuna obiezione di coscienza- con la stessa carriera, gli stessi gradi militari, posto sicuro e una pensione niente male. Tutto con i nostri soldi.

Negli ospedali, invece, i Cappellani sono assunti dalla Regione ed hanno la stessa carriera e soldi di un qualsiasi dipendente amministrativo o tecnico della Pubblica Amministrazione.

Qui il conforto è per i malati, che se poi sono soldati feriti in guerra, il «cortocircuito» fa scintille. E se fosse ferito in guerra un cappellano militare? Qui ci potrebbe essere un conflitto di interessi e di competenze tra cappellani.

«Come stai fratello… brutta la guerra… nevero?»

«Quale guerra? Ero in missione di pace…»

«La guerra… la guerra… il nostro Sommo (quasi) Pontefice prega sempre per la pace…»



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.929

Anno XXXVII n° 3 / 15 febbraio 2018

SI. CUCINO GLI INSETTI

Benvenuti nella cucina di Roberto. Dove le larve di caimano prendono il posto delle verdure pastellate e i muffin vengono prodotti con farina di grilli. Perché dato che forse sarà questo il cibo del futuro, tanto vale iniziare a sperimentare. E gustare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×