12 novembre 2019

Questione di fiducia

Categoria: Notizie e politica - Tags: Cancellieri

immagine dell'autore

Emanuela Da Ros | commenti | (2)

Insomma la Camera ha detto no.

No alla cancellazione (governativa) della Cancellieri.

Di buono, in tutto questo, c'è che forsemoltoforse ora (per un po', almeno) non sentiremo più parlare della faccenda, della Cancelliera, di Giulia Ligresti, di fiducia o sfiducia alla nostra (pensa un po' che titolo-monile si porta appresso) Guardiasigilli.

Siano come siano andate le cose, si spera che ora - aprendo l'homepage di un qualunque media nazionale - il cognome Cancellieri non abbia più quel corpo (tipografico, intendo) così cicciotto (e ingombrante).

Si spera che - sia andata come sia andata - la questione sia archiviata. Sotto la voce Questione ehm di Stato.

Si spera anche che quando si tratterà di togliere non la fiducia ma la carega senatoriale di sotto il lato B di B, il Senato non dica no. Magari - che so...- per cavalleria.

Perché la Camera, come una moglie annoiata, può dire pure 

No, stasera no

 

Ma il Senato, parte "maschile" e comunque pì vecia della coppia parlamentare, deve dimostrare di avere almeno - come si chiamano? ah, sì! - gli attributi

 



Commenta questo articolo


E' molto probabile che non gli tolgano la carega di senatore. Oggi avevano la possibilità di far vedere che tutti siamo trattati in modo uguale e chi sbaglia deve andare a casa. Così non è stato quindi ci si può aspettare di tutto.

segnala commento inopportuno

Sembra che l'egocentrismo dei politici non finisca mai. Bravi sono a distrarre la nostra attenzione di lettori ed elettori con problemi che riguardano si una delle cariche più importanti dello Stato, ma che mettono in sordina le vere problematiche in cui versa l'Italia.

Anche se la Cancellieri è una brava persona, dovrebbe dimettersi per far cessare il fuoco incrociato sul governo Letta.

E visto che ci siamo facciamo anche dimettere Calderoli che ha chiamato Orango la Kyenge.

Il vero problema rimangono sempre e comunque loro; i politici sembre più superatakkati alle poltrone e meno vicini alla sofferenza del popolo bue

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×