23/07/2018quasi sereno

24/07/2018quasi sereno

25/07/2018possibile temporale

23 luglio 2018

Treviso

Ragazzino di 10 anni sparisce nel nulla, ritrovato dai poliziotti

Era con la madre, poi però è scappato con la sua bici. A seguito di ricerche è stato ritrovato che giocava a calcio con dei coetanei

commenti |

polizia

TREVISO – Verso le 17,30 di venerdì dopo che è giunta la chiamata al 113 la polizia si è recata nella zona della Chiesa di Santa Bona Nuova, dove una mamma disperata aveva segnalato l’allontanamento di suo figlio di dieci anni.

Giunti sul posto i poliziotti hanno incontrato la mamma in assoluto stato di agitazione ed in lacrime. Dopo essere riusciti a riportarla alla calma, la donna ha riferito che poco prima, mentre insieme al marito stava camminando lungo la strada principale, il ragazzino in sella alla propria bici era improvvisamente sparito, svoltando in una stradina laterale, senza essere notato dalla madre.

 

La donna era particolarmente preoccupata in quanto suo figlio non si era mai allontanato da casa e non si era mai volatilizzato nel nulla così. I poliziotti della volante intervenuta, acquisita anche una foto del piccolo, hanno effettuato immediatamente una ricerca nella zona, perlustrando le aree di solito frequentate dai bambini della sua età, attivando contemporaneamente anche le normali procedure del caso.

 

In breve tempo gli agenti sono riusciti a rintracciare il ragazzino: lasciata a terra la bicicletta, si era intrattenuto a giocare a pallone con altri bambini nel campetto posto dietro alla Chiesa di Santa Bona. I due operatori, dopo averlo tranquillizzato e fatto risalire in bici, lo hanno riaccompagnato a casa, poco distante.

La mamma, alla vista dei poliziotti che prendevano per mano il suo figliolo, non riusciva a trattenere le lacrime e, una volta riabbracciato, ha ringraziato e abbracciato affettuosamente i due operatori.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×