15/11/2018quasi sereno

16/11/2018quasi sereno

17/11/2018sereno

15 novembre 2018

Politica

Raggi, che succede se condannata

commenti |

Arriva il 'D-day' per il sindaco di Roma Virginia Raggi. Domani è attesa la sentenza di primo grado del processo che la vede imputata per falso in relazione alla nomina (poi revocata) di Renato Marra - fratello dell'ex braccio destro Raffaele - a capo del dipartimento Turismo di Roma Capitale. Un verdetto che potrebbe trasformarsi in un boomerang per i 5 Stelle dal momento che il Codice etico del Movimento prevede in caso di condanna le dimissioni. Raggi ha ribadito in più occasioni di sentirsi "molto serena'' rispetto alla sentenza. Ma cosa accadrebbe se fosse condannata?

COSA DICE LA LEGGE - Il reato di falso in atto pubblico viene punito con una pena che va da 1 a 6 anni di reclusione. Non è previsto però lo stop alla carica in caso di condanna. La Legge Severino prevede infatti la sospensione dall'incarico di un amministratore pubblico nel caso subisca condanne, anche in primo grado, per i reati di peculato, corruzione, concussione e abuso d'ufficio, non per falso.

COSA PREVEDE IL CODICE ETICO DEI 5S - Il problema però nel caso di Raggi è il Codice etico dei 5 Stelle, secondo il quale è "incompatibile" con il mantenimento di una carica elettiva quale portavoce del Movimento "la condanna, anche solo in primo grado, per qualsiasi reato commesso con dolo". Oggi il vicepremier Luigi Di Maio ha lasciato intendere come, in caso di condanna, la prima cittadina debba dimettersi. "Il nostro codice comportamento lo conoscete e parla chiaro", ha detto, assicurando: "Lo applicheremo".

LE OPZIONI - Se la condanna domani dovesse arrivare, Raggi avrebbe diverse opzioni. Potrebbe innanzitutto dimettersi rispettando così le regole dei 5 Stelle. Il Codice etico prevede però anche la possibilità di auto-sospendersi a tutela dell’immagine del Movimento "senza che ciò implichi di per sé alcuna ammissione di colpa o di responsabilità". C'è poi l'ipotesi che il M5S possa chiedere alla base di pronunciarsi sulla sorte del sindaco di Roma con una consultazione tra gli iscritti. Raggi infine potrebbe anche decidere di continuare a governare rinunciando però al simbolo dei 5 Stelle.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×