20/01/2018piovaschi e schiarite

21/01/2018quasi sereno

22/01/2018velature sparse

20 gennaio 2018

Italia

Rapina le Poste, poi scrive un racconto che consegna ai Carabinieri

commenti |

BERGAMO - Ha messo a segno una rapina in un ufficio postale e poi ne ha scritto un racconto che, al momento dell'arresto, ha consegnato ai carabinieri.

 

L'uomo, di 68 anni, il 13 dicembre scorso aveva rapinato l'ufficio postale di Ponteranica, alle porte di Bergamo, minacciando il direttore con una pistola a canna lunga per farsi aprire la cassaforte, dalla quale si era fatto consegnare 650 euro.

 

Oggi i carabinieri di Villa d'Almè lo hanno arrestato: si tratta di Vincenzo Santisi, bergamasco di Torre Boldone e già noto per analoghi reati.

 

L'arresto è scattato a seguito dell'emissione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Bergamo al termine delle indagini dei carabinieri, dove sono state fondamentali le telecamere di videosorveglianza.

 

Quando i carabinieri si sono presentati a casa sua, non solo Santisi ha ammesso le responsabilità, ma ha anche consegnato un manoscritto nel quale aveva raccontato nei minimi dettagli la rapina.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.927

Anno XXXVII n° 1 / 18 gennaio 2018

LUDOVICO GIRARDELLO

Il giovanissimo attore vittoriese - protagonista de “Il ragazzo invisibile. Seconda generazione” di Gabriele Salvatores - racconta qualcosa di sè. Della città in cui vive (definita da Mymovies “piccolo paesino in provincia di Treviso”). Delle sue passioni. Omettendo (vedi la classe?) nome e cognome della fidanzata

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×