22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017sereno

22 ottobre 2017

Treviso

Rapinatore ucciso: code di auto per rifornirsi da Stacchio

Lunedì Salvini incontra il benzinaio

commenti |

PONTE DI NANTO (VICENZA), 14 FEB - Un flusso continuo di auto dall'apertura alle 12.30 per rifornirsi alle quattro pompe di carburante gestite a Ponte di Nanto da Graziano Stacchio.

Il nuovo atto di solidarietà nei confronti del benzinaio coinvolto nella sparatoria del 3 febbraio, in cui morì il 41enne trevigiano Albano Cassol che con altri complici aveva assaltato una gioielleria, è andato in scena questa mattina promosso dalla Lega Nord di Vicenza.

Ma non sono stati solo simpatizzanti del Carroccio a mettersi in coda per servirsi di benzina da Stacchio: centinaia di vicentini hanno voluto esprimere così la propria vicinanza a un uomo che la gente di queste parti e non solo non esita a definire 'un eroe'. Il commerciante ha risposto ancora una volta con commozione ringraziando tutti quanti gli si avvicinavano non rifiutando abbracci e strette di mano.

Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia-An, ieri pomeriggio ha abbracciato Stacchio definendolo "un eroe che si è comportato come tutti dovrebbero comportarsi".

E per lunedì un abbraccio lo riserverà per Matteo Salvini il leader della Lega che lo andrà a salutare in mattinata.

La presenza del segretario del Carroccio nel vicentino il 16 febbraio ha ragioni anche politiche, dato che qui - in una sede ancora non precisata - è previsto l'incontro 'chiarificatore' tra lo stesso Salvini, Luca Zaia e Flavio Tosi in vista delle scelte per le regionali in Veneto di maggio.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

19/02/2015

Rapinatore ucciso, fattura al Comune

Le onoranze funebri inviano il conto della rimozione del corpo del rapinatore di Fontanelle all'Amministrazione comunale di Nanto. Ed è polemica

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×