20/02/2018nuvoloso

21/02/2018nuvoloso

22/02/2018pioviggine

20 febbraio 2018

Treviso

Razzismo, Gentilini condannato

L'ex sindaco di Treviso dovrà pagare 4mila euro di multa

commenti | (8) |

TREVISO - Confermata, dalla Cassazione, la condanna a quattromila euro di multa nei confronti dell'ex sindaco leghista di Treviso Giancarlo Gentilini in relazione all'accusa di aver incitato all'odio razziale contro gli extracomunitari durante un comizio svoltosi a Venezia il 14 settembre 2008 nel quale esortava a pulire le strade "da tutte queste etnie che distruggono il nostro paese...basta islamici, che tornino ai loro paesi...non voglio vedere consiglieri neri, gialli, marroni, grigi...", aveva tra l'altro detto Gentilini.

 

Ad avviso della Suprema Corte - sentenza 20263, depositata oggi e relativa all'udienza svoltasi lo scorso tre marzo - "va ribadito che in tema di discriminazione razziale ed etnica, le condotte consistenti nel propagandare e/o istigare atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi (come nella fattispecie) configurano ipotesi di reato a dolo generico, costituito dalla consapevolezza, come nella specie, del contenuto discriminatorio delle idee propagandate e poste a base della conseguente istigazione".

 

Senza successo l'ex sindaco, le cui affermazioni xenofobe e omofobe hanno suscitato più volte polemiche come anche il suo richiamarsi all'ideologia fascista, ha provato a difendersi sostenendo che il pm aveva fatto "un assemblaggio arbitrario" del suo discorso complessivo. La Cassazione gli ha replicato che "le frasi riportate nel capo di imputazione costituiscono enunciati, non avulsi dal contesto globale del discorso, ma indicanti affermazioni specifiche e puntuali dell'idea fondamentale, di contenuto discriminatorio e razziale, posta a base, in modo esplicito e implicito, dell'intero discorso". E' così divenuta definitiva la condanna emessa dalla Corte di Appello di Venezia il 22 aprile 2013 a seguito di quella pronunciata dal gup di Venezia il 16 ottobre 2009.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Ottimo!!!
Ora, invece, vorrei che andasse in galera chi ha fatto entrare in italia kabobo e tutte quelle "risorse" che ora vivono qui in italia di espedienti, di droga, depredano abitazioni ecc...
Tutti protetti dal falso buonismo di pochi!

Heila... sillian! sei contento che il tuo "amico" Gently è stato condannato? :D

segnala commento inopportuno

caccia ai leprotti; ah se mi ricordo questa frase!
fra tutto ci sono errori ma anche cose buone, solo un giudice supremo peserà e vaglierà le nostre azioni; ma intanto con 4000 € quanti leprottini si comprava?

segnala commento inopportuno

Genty faceva semplicemente becero populismo, sapendo di essere sostenuto da una base di persone alquanto..... terra-terra.... dei bambinoni, insomma, poco addentro alla politica ed alle sue furbate.
Questa gente si accontenta di messaggi roboanti, grandi promesse e pure razzismo , ovvero pensa: se gli extracomunitari sono esseri inferiori, allora significa che noi siamo superiori ! Ma non è vero, siete solo asini, ma vi piace crederlo, e votate chi ve lo dice.
Quanto agli alpini: la maggior parte sotto la naja erano disperati, si piangevano addosso, e adesso vanno alle adunate col cappello "tirato" e la penna lunga un metro..... ipocriti !!
Eppoi chi sarebbero sti alpini, una categoria a parte ? Per il solo fatto di aver fatto la naja nel corpo degli alpini ? Buffonate, era naja come per i fanti.....signorsì, sull'attenti !!
Caccia ai leprotti ? Sperate bene che quei leprotti non vi facciano fuori loro, massa di imbranati. entre voi li insultate e andate alle sfilate, quelli agiscono, vi prendono i posti di lavoro, diventano i vostri padroni, perchè loro sono furbi, e voi polentoni.... no !!

segnala commento inopportuno

Ma cosa stai dicendo? non si è capito niente...
Gentilini semplicemente ci teneva alla sua terra (pur essendo di vittorio), che fosse della lega... bah dico io! da qualche parte doveva stare ma non gliene fregava niente...
Non sono pochi i casi in cui gently ha stretto la mano a persone di colore perchè si erano fatte il mazzo per lavoro, il sociale e per la città.
Lui ce l'aveva con tutto il resto, cioè gente che non faceva niente, girava per i bar, creava disagi e casini.
E quella la gente che lui non voleva... e che adesso sta ritornando con manildo!

Ma ognuno è libero di credere ciò che vuole... io credo a quello che ho visto!

segnala commento inopportuno

egr. aspartame, se sei scarso di glucosio prendi un po' di zucchero, ne hanno bisogno le nostre celluline cerebrali, l'aspartame è un veleno; prima di commentare a vanvera cerca di capire la sostanza dello scritto specialmente la storiella dei leprottini; di psicologia deduco ne capisci poco. Mi sono permesso di commentarti in questo modo perché nella tua esposizione c'è molto sarcasmo e parole offensive, cose che normalmente rifuggo; ora commenta pure come vuoi comprendere, tanto mi sono fatto un'idea di cosa capisci perciò non ti prenderò in considerazione. FAI TE

segnala commento inopportuno

ci teneva alla sua terra, o alla poltrona ? Della serie: è meglio comandare che fottere.......!
Nel bar che ho sotto casa gira un sacco di gentaglia che non fa niente tutto il giorno, fa casino di notte e crea disagi e fastidi...... ma fra questi non vedo un solo extracomunitario !! Esson tutti nostrani !! Ma và là.....
Conosco storie di extracomunitari, però, che lavorano e son sottopagati dai "paroni" veneti, e vivono in 4 o 5 in una stanza, col padrone di casa che chiede loro una cifra esorbitante di affitto, ed in nero.....
Veneti poentoni, ma se si tratta di sfruttare la povera gente........esson capaci anche loro, salvo poi dire che la crisi è tutta colpa dei neri.
Solo che quando parlava di "leprotti" il buon Genty mica faceva differenza tra chi era a posto e chi no....

segnala commento inopportuno

Ah... bene!!!! W manildo allora!!!!

segnala commento inopportuno

con manildo i trevisani sono merdacce

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.929

Anno XXXVII n° 3 / 15 febbraio 2018

SI. CUCINO GLI INSETTI

Benvenuti nella cucina di Roberto. Dove le larve di caimano prendono il posto delle verdure pastellate e i muffin vengono prodotti con farina di grilli. Perché dato che forse sarà questo il cibo del futuro, tanto vale iniziare a sperimentare. E gustare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×