18/11/2018sereno

19/11/2018variabile

20/11/2018pioggia

18 novembre 2018

Castelfranco

Referendum Stiga, Cgil: “No a ricatti occupazionali”

Il segretario della Fiom di Treviso: “Eccesso di flessibilità ha abituato male le imprese”

commenti |

stiga

CASTELFRANCO - "L'eccesso di flessibilità introdotto dalle innumerevoli leggi sul lavoro degli ultimi anni ha abituato male le imprese che si sono organizzate di conseguenza. Oggi si prova a tornare indietro e non è accettabile il ricatto occupazionale".    

Lo ha detto oggi il segretario generale della Fiom Cgil di Treviso, Enrico Botter, intervenendo sul referendum con cui i lavoratori della multinazionale Stiga di Castelfranco Veneto hanno respinto l'accordo sulla stagionalità precludendo la riassunzione di circa 150 dipendenti con contratto a termine.    

 

"Forse - dice Botter - è arrivato il momento di rivedere il decreto del 1963 che definisce quali attività possono assumere i tratti della stagionalità e quali no. Mentre da anni ci battiamo contro la precarietà cercando di tenere insieme le esigenze dell'impresa e dei lavoratori e siamo impegnati nel consolidare l'occupazione attraverso la contrattazione aziendale nel territorio, la politica autoreferenziale ci consegna un quadro normativo sempre più contraddittorio".

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×