27/05/2018possibile temporale

28/05/2018velature sparse

29/05/2018possibile temporale

27 maggio 2018

Vittorio Veneto

"Reperti del Museo della Battaglia a privati? Fantascienza"

L'assessore Uliana replica a Bastanzetti del Sac: "Tutto al sicuro nei depositi"

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - I reperti del Museo della Battaglia non disponibili al pubblico sono tutti al sicuro nei depositi e nei magazzini. A dare rassicurazioni è l'assessore Antonella Uliana, rispondendo alle questioni poste da Michele Bastanzetti, portavoce di Sac (SocietàAmbienteCultura).

 

La questione era riemersa nei giorni scorsi, e sotto i riflettori erano finiti i proiettili da cannone un tempo esposti nella Loggia, "scomparsi" dopo il riallestimento del 2013.

 

Due erano posti sulla scalinata d'accesso, due erano addossati alla parete nord-ovest, e altri due erano posizionati tra i due cannoni. "Voci di palazzo non rassicurano per nulla sul destino delle bombe. C'è chi dice che alcune siano già partite per lidi foresti" aveva dichiarato Bastanzetti.

 

La smentita dell'assessore non si è fatta attendere: "Si trovano tutti nei depositi del Museo- rende noto Uliana- come tutti i reperti del vecchio allestimento. Non è stato eliminato nulla".

 

L'attuale disposizione dei reperti esposti (e di quelli non esposti) era stata decisa 5 anni fa: "Accettiamo l'allestimento così com'è" ha proseguito l'assessore alla cultura. Bastanzetti aveva sollevato però anche la questione del cippo militare - unico esemplare vittoriese esistente- della centuriazione cenedese, ritrovato due anni fa nel greto del Meschio durante i lavori per la realizzazione di una centralina idroelettrica, e dei reperti scovati dal Gruppo Archeologico nel 1989 sul colo Maledicto del Monte Altare.

 

"Figuriamoci se sono stati eliminati - ha risposto Uliana - Il fatto poi che dei reperti possano essere stati ceduti a dei privati (ipotesi sollevata da Bastanzetti, ndr) è pura fantascienza".

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×