16/08/2017temporale e schiarite

17/08/2017quasi sereno

18/08/2017sereno

16 agosto 2017

Italia

A rischio povertà ora sono i 40enni

commenti |

La lunga e durissima crisi economica italiana ha modificato anche il profilo dei soggetti a rischio povertà: non più minori e anziani come per lungo tempo è stato ma persone comprese nella fascia di età intermedia tra i 40 e i 59 anni con incrementi percentuali di oltre il 70% nella fascia 50-59 anni. E' l'Inps a certificare così, nel suo Rapporto annuale 2014, l'impatto sociale della recessione. "La crisi ha cambiato il profilo di rischio della povertà per età mentre le persone già fuori dal mercato del lavoro, tipicamente le persone con più di 70 anni, sono quelle che hanno sofferto meno gli effetti della crisi", si legge ancora. Non solo.

La contrazione della crescita dal 2008 al 2013 ha lasciato esposti anche quei nuclei familiari tradizionalmente ritenuti a basso rischio: in bilico ora ci sono le famiglie monoparentali under 60 che hanno registrato il 57% in più di poveri; le famiglie numerose di soli adulti, "tra i quali i poveri sono aumentati dell'80%"; le coppie senza figli under 60 (50% in più di poveri).

Anche i figli, più di 2, espongono ad un rischio povertà maggiore dato che, aggiunge l'Inps, "si registra una crescita dei tassi di povertà al crescere del numero di figli".

Nessuna sorpresa, invece, nell'analisi dei rischi povertà su base territoriale: resta una forte distanza tra i tassi Nord e Sud che tra il 2008 ed il 2013 è nettamente aumentata. Prima del 2008 infatti il gap tra i tassi povertà Nord-Sud era di 24 punti percentuali (11% al Nord e 35% al Sud).

Negli ultimi 5 anni la forbice si è ulteriormente allargata toccando i 30 punti percentuali (14% al Nord e 43% al Sud). Tuttavia, osserva l'Inps, "è soprattutto il Nord-Est l’area del paese che ha fatto registrare gli incrementi proporzionalmente maggiori del numero di poveri (+61 per cento), seguita dal Centro (+50 per cento) e dal Nord-Ovest (+33 cento).

Prevedibile, infine per l'Inps, un rischio povertà maggiore tra i disoccupati.Tuttavia, dice ancora l'Inps, tra questi, la classe di età che ha subito l’aumento relativamente maggiore del numero dei poveri sono i disoccupati con più di 50 anni, il cui numero è più che triplicato nell’arco di 6 anni.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×