22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

22 luglio 2018

Esteri

La rivincita del sederone

Una ricerca assicura: le donne col sedere più grosso sono più intelligenti

commenti | (1) |

Il (noto) lato b di Michelle Obama

OXFORD - La notizia arriva da Oxford: i ricercatori inglesi, in una loro indagine recentemente pubblicata, hanno concluso che le donne col sedere più grosso sono più intelligenti e vivono più a lungo. Il gruppo di studiosi britannici, guidati dal professor Konstantinos Manolopoulos, ha esaminato i dati relativi a 16 mila donne, giungendo alla conclusione che un sedere grosso è decisamente un buon segno, per la salute e per l’intelligenza.

 

Secondo i ricercatori, l’indagine ha dimostrato che le donne con sederi più grandi tendono ad avere livelli più bassi di colesterolo e sono più inclini a produrre ormoni per metabolizzare lo zucchero. Pertanto, le donne con il sedere grosso hanno meno probabilità di avere problemi di diabete o di cuore. Un sedere voluminoso, infatti, pare essere associato ad un eccesso di grassi omega 3 che, è stato dimostrato, catalizza lo sviluppo del cervello. I ricercatori hanno anche scoperto che i bambini nati da donne con i fianchi più larghi sono intellettualmente superiori ai figli di madri più magre, meno curvilinee.

 

Avere un gran lato B favorisce anche i livelli di leptina nel corpo femminile, un ormone responsabile della regolazione del peso, e di dinopectina, un ormone con effetti anti- infiammatori, protettivi delle pareti vascolari e anti-diabetici . Il tessuto adiposo dei glutei intrappolerebbe, secondo studi ormai consolidati, le particelle grasse nocive e preverrebbe le malattie cardiovascolari.

 

BDN

 

Commenta questo articolo


meglio avere una donna un pò meno intelligente e con un bel sedere, che una "cima" inchiav....e . Berlusca docet..... per una volta c'imbrocca !
A BOCCUCCIA DI ROSE l'ardua sentenza (sperando non sia di parte)

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×