22/06/2017sereno

23/06/2017sereno con veli

24/06/2017sereno

22 giugno 2017

Cronaca

Roma, trovato cadavere nel Tevere: è lo studente Usa scomparso

commenti |

ROMA - Il corpo trovato nel Tevere questa mattina all'altezza di Ponte Marconi è di Beau Solomon, lo studente 19enne americano arrivato a Roma per studiare alla John Cabot University. Il giovane era scomparso nella notte di giovedì scorso dopo aver trascorso la serata in un pub di via della Lungara a Trastevere. La Procura segue l'ipotesi di omicidio. Sul cadavere sarà eseguita l'autopsia per stabilire le cause esatte della morte.

"Siamo molto preoccupati per lui: chiunque possa aiutare a trovare qualcuno in grado di riconoscere Beau e far circolare la voce, questo sarebbe incredibilmente d'aiuto", l'appello che era stato rivolto da Jake Solomon, fratello maggiore di Beau, intervistato dalla tv americana Wmtv.

La notizia della scomparsa del giovane americano era stata confermata dall'università americana a Roma con un comunicato pubblicato ieri sul suo sito. "Lo studente era arrivato a Roma giovedì 30 giugno per seguire un corso estivo alla John Cabot - si legge - Il compagno di stanza del ragazzo ha riferito di aver perso le tracce di Beau intorno all'una di notte giovedì, mentre erano insieme in un locale della capitale. L'amico dello studente ha poi lanciato l'allarme quando non ha visto Beau presentarsi alla John Cabot la mattina seguente".

L'università ha avvisato la polizia e l'ambasciata americana a Roma, fornendo loro tutte le informazioni in suo possesso. La famiglia ha reso noto che risulta che le carte di credito del giovane siano state usate dopo la sua scomparsa.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×