13 novembre 2019

Esteri

La Russia schiera i missili in Crimea

commenti |

commenti |

Mosca rafforza la propria difesa aerea nella regione della Crimea, mentre rimane alta la tensione con Kiev, dopo il sequestro russo di navi ucraine nello stretto di Kerch. A quanto riferiscono i media russi, in Crimea verrà dispiegata una unità del sistema di difesa missilistico S-400. Secondo un ammiraglio russo a riposo, Vladimir Komoyedov, citato dall'agenzia di stampa Interfax, i missili in Crimea possono raggiungere tutto il Mar Nero e parte dell'Ucraina.

Domenica scorsa due navi militari ucraine e un rimorchiatore, provenienti dal mar Nero, stavano navigando attraverso lo Stretto di Kerch con l'intenzione di raggiungere il mare di Azov quando, secondo le accuse di Kiev, la Russia avrebbe speronato una delle sue navi e poi aperto il fuoco ferendo alcuni marinai. Secondo Mosca le navi ucraine, che sono state sequestrate, hanno violato le acque territoriali russe.

"Per quanto riguarda ciò che è successo nel Mar Nero, è sicuramente una provocazione del governo attuale, compreso il presidente, in vista delle elezioni presidenziali in programma a marzo in Ucraina" ha affermato il presidente russo, Vladimir Putin, secondo il quale il presidente ucraino, Petro Poroshenko, "ha bisogno di esasperare la situazione per creare ostacoli insormontabili per i rivali e soprattutto per l'opposizione politica".

Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha avuto colloqui telefonici sia con Putin che con Poroshenko. Lo ha reso noto il sito del quotidiano 'Sabah', citando una fonte della presidenza turca, secondo la quale Erdogan ha ribadito ai due capi di Stato l'importanza di trovare una soluzione diplomatica alla crisi. Erdogan ha avuto un colloquio telefonico anche con Donald Trump. Lo hanno reso noto fonti della presidenza di Ankara citate dall'agenzia di stampa ufficiale Anadolu. Erdogan e Trump, hanno confermato ancora le fonti, hanno concordato di incontrarsi a margine del G20 di Buenos Aires.

Il Cremlino continua intanto i preparativi per l'incontro fra Putin e Trump a margine del G20 in Argentina, malgrado il capo della Casa Bianca abbia minacciato di annullarlo a causa della crisi in Ucraina. "I preparativi continuano. L'incontro è stato concordato. Non abbiamo altre informazioni dalla controparte americana", ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dall'agenzia Tass.

Il vicepresidente della Commissione Europea, Valdis Dombrovskis, in conferenza stampa a Bruxelles ha spiegato che il collegio dei commissari Ue "ha discusso della situazione in Ucraina". La Russia "rilasci immediatamente le navi e i militari catturati. Ci aspettiamo che la Russia ripristini il libero passaggio attraverso lo stretto di Kerch", ha affermato Dombrovskis.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×