22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

22 luglio 2018

Sagre della dissociazione. Cognitiva

Categoria: No profit e attivismo - Tags: dissociazione cognitiva sagre carnismo violenza

immagine dell'autore

Walter De Iulis | commenti |

si offrono maiali uccisi con lame, non abbracciati con amore

Gurzone di Occhiobello, Rovigo. Dal 6 all'8 luglio c'è la sagra del maiale, cioè una festa popolare in cui si offre un prodotto.

In apparenza, si tratta di un evento positivo: l'organizzazione di un gruppo positivo per condividere valori altrettanto positivi.

Eppure qualcosa non torna.

Al termine dell'obbligo di istruzione bisogna aver acquisito la seguente competenza:

individuare collegamenti e relazioni, cioè

rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone la natura sistemica, individuando, analogie e differenze, coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e la loro natura probabilistica.

Le competenze italiane al termine dell'obbligo d'istruzione sono integrabili nelle competenze chiave europee, e tutte fanno particolare riferimento alla cittadinanza attiva.

Cosa non torna?

1. In locandina c'è un individuo vivo, abbracciato con benevolenza: tuttavia lo si offre morto ucciso con violenza, cioé si mostra una cosa, ma si fa il suo contrario.

2. Chi abbraccia e organizza è della Protezione Civile, con tanto di divisa che abbraccia il maiale vivo, un ente che protegge i cittadini: tuttavia offre un prodotto sicuramente cancerogeno per l'intestino se cucinato ad elevate temperature, come alla griglia e se processato come per i salumi, altrimenti probabilmente cancerogeno e associato ad ulteriori tipi di tumore e ad altre cause di mortalità. Si tratta infatti di un prodotto con sostanze dannose, come il ferro-eme, solo da animali, e ad elevato bioaccumulo di inquinanti, che nei vegetali è presente molto meno e che dobbiamo necessariamente mangiare, a differenza dei cibi da animali che sono superflui.

3. Si dirà che la Protezione Civile interviene nelle pubbliche calamità: ebbene, la sua offerta in questa sagra è nella tendenza a favorire calamità con il concorso ai gas serra, di cui la zootecnia è una delle principali responsabili, più di tutti i trasporti.

4. Ma la Protezione Civile aiuta le persone: sì, con eventi che richiedono un immane spreco di risorse (in Europa, per produrre cibi da animali, il 75% delle risorse in gioco è sprecato) mentre al mondo si muore di fame e di sete.

La cittadinanza, è composta da persone che per lo più non sono cattive: ma allora perchè partecipano ad eventi dannosi per tutti e violenti per le vittime discriminate?

Non lo fanno in piena consapevolezza, alcuni concetti sono ignorati e altri semplici, e/o in parte noti, sono pregiudicati dalle dissociazioni cognitive.

Queste dissociazioni sono causate da un'ideologia negativa e nascosta, il carnismo, che le opera in un quadro di legalità e passiva accettazione culturale, per favorire i privilegi di pochi, che per profitto discriminano, causando danni alla collettività.

Non è l'unica pratica nascosta del carnismo, che riguarda tutto ciò che fa credere normale, naturale e necessaria una violenza che non ha queste attribuzioni.

In situazioni molto diverse, schiavitù e nazismo avvenivano in un quadro perfettamente legale e passivamente accettato.

Ora, se la cittadinanza è davvero attiva e tende alla competenza, connetta e lasci al passato tradizioni dannose.

Promuoviamo conoscenza ed educazione per stili di vita etici verso noi stessi e tutti i viventi. Impariamo a divertirci senza chiedere l'uccisione di nessuno, a prepare cibi davvero buoni e ad abbattere fortemente il nostro impatto sull'ambiente. E' possibile, facile e ci si diverte di più.

Ringrazio per la segnalazione il gruppo Attivismo Antispecista

Come fare per:

www.vegfacile.info

www.piattoveg.info

www.scienzavegetariana.it

in più: chiedi a Ceres S.p.a. di ritirare la pubblicità carnista e di passare alla birra cruelty free



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×