16 dicembre 2019

Treviso

Salasso per i camionisti

Multe pesanti per gli autotreni che transitano nel centro storico. Da 36 euro la sanzione passerà a 202 euro complessivi

admin | commenti |

immagine dell'autore

admin | commenti |

Il sindaco Giancarlo Scottà ha firmato lunedì l’ordinanza che prevede l’applicazione di sanzioni più dure nei confronti dei conducenti di Tir indisciplinati che entrano nel centro storico di Serravalle con i loro mezzi in barba ai divieti e alla segnaletica, provocando difficoltà nella viabilità e rischiando di rovinare con il loro passaggio i fabbricati di pregio storico che costituiscono l’attrattiva maggiore del centro storico stesso. Da 36 euro la sanzione passerà a 202 euro complessivi. La decisione è stata presa considerando che la città è compresa tra le "Città murate del Veneto" e tra le "Città d'Arte", che sono soggette quindi a particolari norme per la loro tutela e valorizzazione. Da tempo è stato interdetto il transito agli autocarri di peso superiore a 8 tonnellate al fine di salvaguardare e tutelare il patrimonio storico e artistico del relativo centro storico, ma questo provvedimento, nonostante la copiosa segnaletica insistente a nord e a sud del divieto, viene spesso eluso dai conducenti dei mezzi pesanti, sia per accorciare il percorso che per evitare il pagamento del pedaggio autostradale. Gli autotreni, gli autosnodati e gli autoarticolati, nel transitare eludendo il divieto, rimangono spesso incastrati a causa della ridotta larghezza della carreggiata in alcuni punti, provocando danni di gravissima entità ai fabbricati. Innumerevoli le richieste dei cittadini che, oltre a lamentare i gravi disagi provocati dal passaggio dei mezzi pesanti, si sentono minacciati per la propria incolumità.

 



foto dell'autore

admin
inserire qui una descrizione del giornalista

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×