26/09/2017sereno

27/09/2017quasi sereno

28/09/2017velature sparse

26 settembre 2017

Benessere

Salute: lavorare più di 55 ore a settimana aumenta rischi cuore.

AdnKronos | commenti |

Roma, 14 lug. (AdnKronos Salute) - Lavorare troppo fa male. Ma quando le ore passate in ufficio o sul posto di lavoro diventano dannose per la salute? Secondo uno studio condotto dall'University College di Londra, superare le 55 ore a settimana aumenta in modo significativo il pericolo di seri problemi cardiaci. I lavoratori tanto infaticabili, infatti, hanno il 40% di rischi in più di soffrire di irregolarità del battito cardiaco rispetto ai colleghi che si limitano a 35-40 ore a settimana.

A mettere in evidenza il pericolo di fibrillazione atriale da super-lavoro sono gli autori di una ricerca su oltre 85 mila britannici e scandinavi. Lo studio, pubblicato sull''European Heart Journal', ha rivelato che quelli che lavoravano più a lungo erano più a rischio di sviluppare una fibrillazione atriale nell'arco di un decennio. Una condizione che può portare a ictus, insufficienza cardiaca e demenza. "Questi risultati - spiega Mika Kivimaki, responsabile dello studio - mostrano che lunge ore di lavoro sono associate con un aumento del rischio di fibrillazione atriale, la più comune aritmia cardiaca. E questo potrebbe essere uno dei meccanismo alla base di un fenomeno già osservato: l'aumento rischio di ictus nelle persone" che accumulano ore e ore di straordinario a settimana.

Nel corso dello studio si sono verificati 1.061 casi di fibrillazione atriale, con un'incidenza di 12,4 per mille persone, ma fra i 4.484 soggetti che lavoravano più di 55 ore a settimana l'incidenza saliva a 17,6 per mille persone.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×