17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018quasi sereno

17 agosto 2018

Cronaca

Salvini dice no ai migranti. 600 persone aspettano in mare

commenti |

E' braccio di ferro tra Italia e Malta sul caso della nave Ong Aquarius. L'imbarcazione con a bordo oltre 600 migranti è bloccata in mare dopo che ieri il Viminale non ha autorizzato lo sbarco ritenendo che, trovandosi la nave a 43 miglia da Malta, sia La Valletta il porto più sicuro. Una posizione non condivisa da Malta che non sembra disposta ad accogliere i migranti.

 

Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini sceglie però la linea dura. "Da oggi anche l'Italia comincia a dire no al traffico di esseri umani, no al business dell'immigrazione clandestina", ha scritto su Facebook il leader della Lega, annunciando poi la decisione di chiudere i porti.

 

Una decisione inedita per l'Italia presa di concerto da Salvini con il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. "Chiediamo al governo di La Valletta - si legge in una nota congiunta - di accogliere la Aquarius per un primo soccorso ai migranti a bordo". "L'isola - continuano i due ministri - non può continuare a voltarsi dall'altra parte quando si tratta di rispettare precise convenzioni internazionali in materia di salvaguardia della vita umana e di cooperazione tra Stati".

 

E mentre Napoli e Palermo offrono i loro porti per far sbarcare i migranti, dure critiche alla posizione del Viminale arrivano dal Pd. "Il presidente Conte assuma un'iniziativa di fronte a quello che sta accadendo dopo le scelte di Salvini'', scrive su Facebook il segretario reggente del partito democratico Maurizio Martina. ''L'Italia - sottolinea - non va lasciata sola e oggi più che mai non servono drammatici braccio di ferro tra Paesi ma soluzioni coordinate. Chiudere i porti in questo modo può portare solo a gravi rischi umanitari".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×