19/07/2018sereno

20/07/2018possibile temporale

21/07/2018possibile temporale

19 luglio 2018

Politica

Salvini: "Via i francesi"

commenti |

“Altro che espellere i diplomatici russi, qui bisogna allontanare i diplomatici francesi!". Così il segretario della Lega e leader del centrodestra Matteo Salvini, dopo l'intervento dei militari d'Oltralpe nel centro migranti di Bardonecchia. "Con noi al governo l'Italia rialzerà la testa in Europa - assicura -, da Macron e Merkel non abbiamo lezioni da prendere, e i nostri confini ce li controlleremo noi".

 

Divampa la polemica dopo l'irruzione di agenti della dogana francesi in un presidio per migranti a Bardonecchia, al confine tra Italia e Francia.

 

I poliziotti d'Oltralpe, nella tarda serata di venerdì, secondo quanto denunciato dall'associazione Rainbow4Africa, sono entrati armati nella sala della stazione, costringendo un migrante a sottoporsi al test delle urine. Blitz per il quale sono state chieste "spiegazioni al governo francese e all'ambasciata di Francia a Roma" hanno fatto sapere fonti della Farnesina, che ha convocato l'ambasciatore francese della Capitale.

 

Il ministero degli Esteri ha rappresentato in una nota allo stesso ambasciatore di Francia "la ferma protesta del Governo italiano per la condotta degli agenti doganali francesi ritenuta inaccettabile e ha manifestato, al contempo, disappunto per l'assenza di risposte alle nostre richieste di spiegazioni".

 

FARNESINA - Nella nota, inoltre, la Farnesina ha sottolineato come "quanto avvenuto mette oggettivamente in discussione, con conseguenti e immediati effetti operativi, il concreto funzionamento della sinora eccellente collaborazione frontaliera".

 

VIMINALE - E ora il Viminale, a fronte di un'insoddisfacente risposta del ministero dei Conti pubblici francese su come siano andati i fatti, a quanto apprende l'Adnkronos, sta valutando di sospendere l'attività di incursione da parte della polizia e dei doganieri francesi sul territorio italiano, se non precedentemente autorizzata dalla polizia italiana.

 

PARIGI - Da parte sua Gerald Darmanin, ministro francese per i Conti pubblici, ha offerto una ricostruzione: "Al fine di evitare ogni incidente in futuro, le autorità francesi sono a disposizione delle autorità italiane per chiarire il quadro giuridico e operativo nel quale i doganieri francesi possono intervenire sul suolo italiano" in virtù degli accordi del 1990 "in condizioni rispettose del diritto e delle persone".

 

RICOSTRUZIONE - "Venerdì sera 30 marzo 2018, intorno alle 19 - ha ricostruito un comunicato francese - una squadra della brigata ferroviaria delle dogane francesi di Modane era di controllo sul treno ad alta velocità Parigi-Milano. Questi agenti, in uniforme e identificati come doganieri francesi, hanno sospettato che un viaggiatore, di nazionalità nigeriana e residente in Italia, trasportasse stupefacenti 'in corpore'".

 

ACCORDI '90 - "Applicando l'articolo 60 bis del codice delle dogane - si legge ancora - gli agenti hanno chiesto alla persona se consentiva a un test urinario per la rilevazione di stupefacenti, cosa che è stata accettata per iscritto alle 19:15. Al fine di realizzare questo controllo in condizioni di rispetto della persona, gli agenti hanno atteso l'arrivo del treno per poter utilizzare il locale attenente alla stazione di Bardonecchia, messo a disposizione della dogana francese in applicazione degli accordi sugli uffici a controlli nazionali giustapposti (BCNJ) del 1990".

 

"Essendo da qualche mese questi locali ugualmente messi a disposizione di un'associazione di aiuto ai migranti, gli agenti hanno sollecitato il permesso di accedere ai sanitari, cosa che gli è stata accordata. Il controllo si è alla fine rivelato negativo. Tuttavia, membri dell'associazione sono rimasti colpiti da questo controllo e hanno auspicato che la persona controllata rimanesse con loro dopo" si legge nel comunicato, che si conclude con la disponibilità a chiarire il quadro il quale i doganieri possono intervenire sul suolo italiano.

 

ONG E POLITICA - Lo staff Rainbow4Africa ha intanto espresso "rabbia e amarezza" per quanto accaduto. Ma "adesso è il momento di tornare a fare il nostro lavoro di medici, infermieri, mediatori, avvocati" ha scritto la Ong su Facebook.

 

"Altro che espellere i diplomatici russi, qui bisogna allontanare i diplomatici francesi! - dice il segretario della Lega Matteo Salvini - Con noi al governo l'Italia rialzerà la testa in Europa, da Macron e Merkel non abbiamo lezioni da prendere, e i nostri confini ce li controlleremo noi".

 

"Bene ha fatto la Farnesina a convocare l'ambasciatore francese" twitta il leader del M5S Luigi Di Maio. "Quanto accaduto a Bardonecchia deve essere chiarito completamente in ogni suo aspetto".

 

"Non assisteremo pure alla beffa di essere usati come la loro toilette" tuona la deputata di Fratelli d'Italia Augusta Montaruli. "I campioni delle urine li prendano nei bagni francesi - continua - o ne segnalino la necessità alle nostre forze dell’ordine".

 

L'europarlamentare del Pd Daniele Viotti sottolinea come quanto successo sia "grave sul piano del rispetto dei diritti umani" e "inaccettabile dal punto di vista politico". L'esponente dem ritiene che il blitz "è una intimidazione vera e propria e una provocazione".

 

Per Giuseppe Civati di 'Possibile', il governo in carica per il disbrigo degli affari correnti dovrebbe protestare contro il blitz: "Si tratta di un'azione molto grave nei confronti di un Paese confinante. Ma soprattutto - sottolinea - è un'intollerabile intimidazione verso chi offre assistenza ai migranti".

 

"L'azione del governo francese" dice all'Adnkronos Pier Ferdinando Casini "è uno straordinario contributo al rafforzamento dei populisti anti-europei. Complimenti".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×