13 novembre 2019

Conegliano

Salvini scrive, il sindaco Szumski risponde: "Il primo nemico dei comuni è lo Stato"

La replica ad una missiva mandata ai sindaci italiani: "Avrei preferito una risposta per la restituzione dell'Imu"

Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

Roberto Silvestrin | commenti |

SANTA LUCIA DI PIAVE - Salvini scrive, Szumski risponde. E’ del 10 ottobre la lettera inviata dall’ex vicepremier e ministro dell’Interno leghista a circa 7500 primi cittadini, quelli che guidano comuni sotto i 20mila abitanti.

 

“Vorrei ringraziarti per la collaborazione che ho potuto apprezzare nei circa 14 mesi di lavoro a Palazzo Chigi e al Viminale, indipendentemente dall’appartenenza politica. Ho messo tutto me stesso per valorizzare al meglio gli enti locali. Sono felice di alcuni finanziamenti ad hoc come le nuove risorse per la videosorveglianza, Spiagge sicure, Laghi sicuri, Scuole Sicure, fino ai fondi erogati contro il maltrattamento degli animali. Soprattutto, ho cercato di essere un interlocutore il più possibile attento e costante”, così inizia la missiva firmata da Salvini.

 

Il leader leghista cita anche i “circa 400 milioni erogati a favore dei Comuni sotto i 20mila abitanti come il Tuo. E’ stato un felice esperimento di sinergia tra centro e periferia, anche dal punto di vista dei rapporti, che spero non venga interrotto”.

 

Ma il sindaco di Santa Lucia di Piave, Riccardo Szumski, non ha fatto attendere la propria risposta: e così, dopo il rifiuto di incontrare l’allora premier Matteo Renzi e l’assenza alle celebrazioni del 25 aprile scorso a Vittorio Veneto, quando era arrivato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il primo cittadino ha fatto registrare un altro caso di polemica con i politici “romani”.

 

“Mi sarebbe piaciuto di più se Tu mi avessi scritto mentre eri Ministro dell’Interno e non solo ora che non lo sei più. Ti avrei compiutamente illustrato il mio pensiero, corroborato da molteplici esempi, su come il primo nemico dei Comuni sia lo Stato e coloro che lo guidano”, ha scritto Szumski a Salvini.

 

Il sindaco avrebbe preferito, si legge nella lettera, che il leader leghista avesse risposto alla richiesta di restituzione – sentenziata dal Consiglio di Stato – degli oltre 300mila euro di Imu “illegittimamente sottratti alla mia comunità, richiesta fatta insieme a ben 44 comuni della provincia di Treviso. Su questo, però, silenzio assoluto”.

 

Szumski si è detto anche disponibile ad un confronto per “illustrare ampiamente una situazione in cui gli Enti Locali “virtuosi” pagano il conto per gli altri”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×