26/05/2018quasi sereno

27/05/2018possibile temporale

28/05/2018velature sparse

26 maggio 2018

Treviso

San Pelajo, "messa in sicurezza delle strade, spazi per i ragazzi e iniziative per vitalizzare il quartiere"

La giunta comunale incontra i residenti del quartiere

commenti |

TREVISO - Oltre un centinaio gli abitanti di San Pelajo presenti nella sala parrocchiale mercoledì sera, per l’appuntamento con l’amministrazione comunale. La serata è stata promossa dalle associazioni e dai comitati di quartiere ed è stata moderata dallo scrittore Gian Domenico Mazzocato, residente a San Pelajo. Quasi al completo anche la giunta: oltre al sindaco di Treviso Giovanni Manildo, presenti anche gli assessori Cabino, Gazzola, Manfio, Camolei, Franchin e Michielan. Sul tavolo tanti temi, dalla messa in sicurezza delle strade, all’assesto idrogeologico, agli spazi per i ragazzi e iniziative per vitalizzare San Pelajo.

“Un incontro davvero proficuo, ben organizzato, partecipato: quando si propone un canale di dialogo utile, indirizzato al bene concreto del quartiere, i cittadini rispondono sempre – rileva Manildo – ritengo che l’obiettivo più alto della politica sia quello di accrescere il senso civico delle persone, e San Pelajo si è sempre dimostrata una comunità pronta a prendersi cura dei propri spazi. Tante idee, molti interventi già realizzati o appaltati, altri da valutare. Ci siamo ripromessi di ritrovarci a fine febbraio, quando sapremo con esattezza quanto denaro è possibile muovere dal patto da stabilità, per destinarlo ai vari progetti e risolvere alcune criticità”.

Intanto sulla messa in sicurezza delle strade la giunta ha annunciato che, data l’impossibilità di installare in via San Pelajo rallentatori monoblocco in gomma e autovelox, vengono realizzate tre piattaforme che fungeranno da dissuasori di velocità dei veicoli, con particolare attenzione ai pressi della scuola primaria “G. Bindoni”. Inoltre, vengono messi in sicurezza i tre incroci pericolosi di via Santa Bona Vecchia (in primo luogo quello tra Strada Capitelle e via Cornaino), una strada stretta e pericolosa ma molto utilizzata dai giovani studenti del quartiere, che la percorrono in bicicletta per raggiungere il quartiere di Santa Bona e gli istituti scolastici di Viale Europa. L’amministrazione ha inoltre assicurato che prenderà in esame la possibilità di modificare la viabilità della zona, compatibilmente con il Piano degli Interventi. Oltre a questo verrà messo a nuovo il sistema di illuminazione in via Mandruzzato, che garantirà maggiore sicurezza ai residenti di una delle strade più suggestive del quartiere.

Il sindaco Manildo e l’assessore ai lavori pubblici Michielan hanno illustrato i lavori, appena terminati, per la messa in sicurezza idraulica della zona di via Lovera. “L’obiettivo di quest’ultimo intervento è quello di deviare l’acqua destinata alle coltivazioni d’estate, per dare maggiore portata alla nuova fognatura delle acque meteoriche che verranno ora dirottate sul vicino fiume Pegorile”- hanno spiegato. Infine sul progetto degli orti urbani che sorgerà presto via Gramsci, che ha già ricevuto 22 adesioni, l’assessore Michielan ha annunciato che verranno costruiti accanto agli orti i campi da basket e volley, per trasformare l’area in un autentico centro aggregativo del quartiere.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×