19/02/2018nuvoloso

20/02/2018nuvoloso

21/02/2018nuvoloso

19 febbraio 2018

Benessere

Sanità: l'indagine, un paziente su 5 'dimentica' appuntamento dal medico.

AdnKronos | commenti |

Roma, 6 dic. (AdnKronos Salute) - Con gli studi medici presi d'assalto a causa dei malanni invernali, può sembrare davvero insolito che un paziente su 5 non si presenti alla visita dal dottore di famiglia. Eppure è così. Il dato emerge da uno studio condotto su oltre 500 mila persone in Scozia e pubblicato su 'The Lancet Public Health journal'. A non presentarsi, spiegano i ricercatori delle università di Lancaster, Glasgow e Aberdeen, sono più spesso i pazienti di 16-30 anni, o sopra i 90 anni. Lo studio, inoltre, ha scoperto che il 19% dei pazienti ha saltato più di due appuntamenti nell'arco di tre anni.

Sono le visite prenotate due o tre giorni prima quelle più a rischio di saltare, rispetto ai controlli prenotati con settimane di anticipo. Inoltre i pazienti più poveri, che vivono in aree molto popolate, sono quelli più inclini a non presentarsi dal dottore. Per David Ellis dell'Università di Lancaster, uno degli autori della ricerca, è stata identificata un'area su cui focalizzare gli sforzi. E non manca chi, fra i camici bianchi, chiama in causa un fenomeno sociale: quello della generazione del 'voglio tutto subito'.

"Il servizio sanitario nazionale (Nhs) dai nostri giovani è visto come un servizio di consumo. Non riesco a ricordare l'ultima volta in cui un mio paziente anziano ha perso un appuntamento", dice Ranjit Gill, medico di famiglia di Stockport, commentando la ricerca alla 'Bbc' online. Gill sottolinea inoltre come una mancata visita comporti non solo una perdita economica per il servizio sanitario, ma anche una perdita per i medici di tempo utile da dedicare ai propri pazienti. Gli altri, quelli che magari avevano chiamato per un appuntamento senza trovare posto.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.929

Anno XXXVII n° 3 / 15 febbraio 2018

SI. CUCINO GLI INSETTI

Benvenuti nella cucina di Roberto. Dove le larve di caimano prendono il posto delle verdure pastellate e i muffin vengono prodotti con farina di grilli. Perché dato che forse sarà questo il cibo del futuro, tanto vale iniziare a sperimentare. E gustare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×