21 novembre 2019

Vittorio Veneto

Sarà un file audio a dire la verità sul retroscena ex Carnielli

Nessun verbale del consiglio di quartiere, ma esiste una registrazione

Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Il parere legale sulla bonifica dell’ex Carnielli è stato letto in consiglio di quartiere, ma di quella seduta non esiste il verbale. E’ quanto riportato dall’assessore Giuseppe Costa ieri sera, in consiglio comunale, rispondendo all’interrogazione del consigliere di Partecipare Vittorio Matteo Saracino.

 

Si tratta del parere prodotto dal responsabile dell’ufficio legale comunale, l’avvocato Barbara Colla, in cui si afferma che “il curatore può diventare destinatario di provvedimenti amministrativi che impongano degli obblighi di intervento a tutela della salute pubblica, ivi compresi interventi di bonifica veri e propri”.

 

Questo documento, sostiene Saracino, non è “mai stato portato alla conoscenza della commissione consiliare, come poi confermato anche dal consigliere di maggioranza Fabio De Vallier”. Il 12 novembre scorso, durante l’ultimo consiglio comunale, l’assessore Costa aveva riferito che il parere era stato letto da un dirigente comunale in una seduta pubblica del 24 novembre 2017, promossa dal quartiere di Centro in biblioteca, e che “c’è il verbale, è stato letto, punto e a capo. Quindi non c’è niente di misterioso o di arcano o che vogliamo tenere nascosto ai consiglieri e alla cittadinanza”.

 

Ieri sera però Costa ha precisato che della seduta pubblica del novembre 2017 non esiste alcun verbale, perché non è stato redatto dal consiglio di quartiere. L’assessore ha chiarito di “aver dato per scontato” che fosse stato stilato. “Esiste però una registrazione di un componente del consiglio di quartiere - continua Costa -, in cui si sente l’intervento della dirigente. Nel file audio si sente che la dirigente fa espresso riferimento al parere dell’avvocatura civica”.

 

Secondo quanto riportato da Costa, quindi, quel parere sarebbe stato letto durante quella seduta: Saracino ha comunicato che chiederà un accesso agli atti per avere il file audio ed esaminarlo. Continua però la protesta delle minoranze: quel documento infatti era stato portato alla luce da un altro accesso agli atti di Saracino, ma – sostengono le opposizioni – non era mai stato portato in commissione ex Carnielli. “C’è il consiglio comunale per queste cose – ha commentato il leghista Gianluca Posocco –, non il consiglio di quartiere”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×