25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

27/09/2017quasi sereno

25 settembre 2017

Mogliano

Via Sassi: "Non si cambia. Per ora"

Venerdì in Consiglio comunale si è discusso anche della viabilità tra il capoluogo e l'area delleAssicurazioni Generali.

commenti |

il municipio di Mogliano

MOGLIANO - Via Sassi, per il momento non ci saranno modifiche alla viabilità. Nel Consiglio Comunale di venerdì 28 luglio si sono discussi anche i due punti presentati dal Movimento 5 Stelle.

All’interrogazione su via Sassi, il Sindaco Carola Arena ha replicato che "non è prevista alcuna soluzione a breve termine. Una soluzione - afferma - sarebbe il raccordo con il passante, ma non si sa quando e se sarà realizzato".

Il Consigliere Cristina Manes, Movimento 5 Stelle, ha ribadito che così come stanno le cose gli interessi di pochi prevalgono sugli interessi dei molti ed ha chiesto che, nelle more di una soluzione definitiva, si tenga aperta la strada quando sarà messa in sicurezza e resa agibile.

Per quanto riguarda la Mozione circa l’accesso ai dati sensibili del Comune da parte dei Consiglieri, si è data lettura di una relazione del Segretario Generale che non dimostra contrarietà alla richiesta. Tuttavia l’Assessore competente ha detto: "La cosa non potrà essere realizzata a breve e non se ne conoscono i costi".

Inoltre viene ammessa una inadeguatezza del sistema informatico. “ Chiedevamo un segnale – afferma la Manes – da parte della Giunta nel segno della trasparenza non avendo dato tempi per la realizzazione della proposta. A mio avviso non ci sono costi insostenibili, tuttavia la mozione è stata bocciata dalla maggioranza“.

Gianfranco Vergani

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×