17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018sereno

17 agosto 2018

Treviso

Schianto in Umbria, muore donna di San Biagio di Callalta

L'incidente è avvenuto domenica alle 12.30, a perdere la vita Nadia Toniolo, 59enne dipendente del Ca' Foncello

commenti |

Incidente in Umbria

SAN BIAGIO DI CALLALTA - Due persone sono morte e altre quattro sono rimaste ferite in seguito a un incidente stradale avvenuto in Umbria, lungo la strada provinciale 403, nei pressi di Passaggio di Bettona.

Nell'incidente, che si è verificato domenica intorno alle 12.30, sono rimaste coinvolte due vetture, una delle quali si è cappottata.

Sul posto, vigili del fuoco, carabinieri e il 118 con quattro ambulanze, da Assisi, Bastia e Perugia.

Le vittime sono un anziano di 86 anni di Torgiano e una donna di 59, Nadia Toniolo (nella foto a lato) di San Biagio di Callalta. I feriti, come detto, sono quattro. Nessuno di loro - riferisce l'ospedale di Perugia, dove sono ricoverati - è in pericolo di vita. Si tratta di un uomo di Torgiano di 61 anni, una donna di Ferrara, di 57, un uomo di Treviso, di 76, e un uomo di Castelfranco di Sopra (Arezzo), di 66 anni.

Tutti sono arrivati all'ospedale in codice giallo, quindi con traumi di media gravità. Sulle cause e sulla dinamica dell'incidente sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri di Assisi.

Nadia Toniolo, impiegata all’ospedale Ca’ Foncello, residente a San Biagio con il compagno Piero Lorenzon, era in Umbria per una breve vacanza. Cordoglio in paese. Lascia i figli Francesca e Gianni.

Il compagno, Piero Lorenzon, per anni è stato il comandante della polizia locale. Classe 1942, è molto stimato per il suo ruolo nelle associazioni locali di volontariato e culturali.
 

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×