21/09/2018sereno

22/09/2018possibile temporale

23/09/2018quasi sereno

21 settembre 2018

Treviso

Scuola, banca Ifis dona i suoi computer all’istituto Stefanini di Treviso

L'istituto di credito ha deciso di investire e promuovere il processo di digitalizzazione delle scuole italiane

commenti |

TREVISO – I computer portatili dismessi dalle sue sedi regalati alle scuole. La donazione è stata fatta da Banca IFIS che ha deciso da alcuni anni di investire e promuovere il processo di digitalizzazione delle scuole italiane; investimento che l’istituto conferma anche per l’anno in corso.

I pc sono stati donati all’Istituto comprensivo Statale “Luigi Stefanini” di Treviso e all’istituto comprensivo “Paolo Neglia” di Pogliano Milanese. I personal computer sono stati consegnati ai due Istituti all’inizio dell’anno scolastico.

Dismessi, rigenerati, aggiornati e dunque perfettamente funzionanti, i laptop e i desktop sono stati rimessi a nuovo dall’ufficio IT della Banca e dotati del sistema operativo open-source Linus Kubuntu, un software semplice e intuitivo, di facile uso per i ragazzi, sempre più stimolati dalle molteplici sollecitazioni della società multimediale in continua evoluzione.

“Banca IFIS crede da sempre nell’uso delle tecnologie digitali nel lavoro così come nella formazione e nelle attività di tutti i giorni - spiegano i promotori - la decisione di donare i computer all’Istituto di Treviso e di Pogliano Milanese conferma la volontà dell’istituto di voler dare un contributivo significativo, nonché un tangibile supporto alla formazione degli studenti nell’avvicinamento alla cultura digitale e tecnologica”.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×