19/10/2018sereno

20/10/2018quasi sereno

21/10/2018quasi sereno

19 ottobre 2018

Oderzo Motta

"Se chamate i Carabinieri vi brucio la casa": condannato

Un 22enne tentò di rubare in un'abitazione di Busco, ma venne sorpreso e dopo un breve inseguimento fu arrestato. Lunedì la sentenza

commenti |

PONTE DI PIAVE – Patteggia due anni e 344 euro di multa. Questa la sentenza nei confronti di D.C., 22enne residente a Salgareda arrestato per rapina due settimane fa dai Carabinieri della stazione di Ponte di Piave.

Lunedì mattina è stato celebrato il processo per direttissima a Treviso: il giudice Umberto Donà ha accolto la richiesta di patteggiamento ed ha disposto, in contemporanea, la scarcerazione del 22enne che ha usufruito della condizionale.

Il ragazzo, lo scorso 2 maggio aveva tentato di rubare in una casadi Ponte di Piave, in frazione Busco. Ma era stato sopreso dal figlio del padrone di casa.

Il ladro è scappato attraverso un vigneto, alle calcagna tutti i familiari. Nel frattempo era riuscito a nascondere sotto terra il denaro e gli ori appena rubati. Poi ritrovati.

«Se chiamate i carabinieri vi brucio la casa» intimò il 22enne: quella minaccia gli è costata l'accusa di rapina. Sul posto i Carabinieri dell’Arma che hanno arrestato il ladro. Ieri la sentenza.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×