17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018quasi sereno

17 agosto 2018

Oderzo Motta

"Se chamate i Carabinieri vi brucio la casa": condannato

Un 22enne tentò di rubare in un'abitazione di Busco, ma venne sorpreso e dopo un breve inseguimento fu arrestato. Lunedì la sentenza

commenti |

PONTE DI PIAVE – Patteggia due anni e 344 euro di multa. Questa la sentenza nei confronti di D.C., 22enne residente a Salgareda arrestato per rapina due settimane fa dai Carabinieri della stazione di Ponte di Piave.

Lunedì mattina è stato celebrato il processo per direttissima a Treviso: il giudice Umberto Donà ha accolto la richiesta di patteggiamento ed ha disposto, in contemporanea, la scarcerazione del 22enne che ha usufruito della condizionale.

Il ragazzo, lo scorso 2 maggio aveva tentato di rubare in una casadi Ponte di Piave, in frazione Busco. Ma era stato sopreso dal figlio del padrone di casa.

Il ladro è scappato attraverso un vigneto, alle calcagna tutti i familiari. Nel frattempo era riuscito a nascondere sotto terra il denaro e gli ori appena rubati. Poi ritrovati.

«Se chiamate i carabinieri vi brucio la casa» intimò il 22enne: quella minaccia gli è costata l'accusa di rapina. Sul posto i Carabinieri dell’Arma che hanno arrestato il ladro. Ieri la sentenza.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

17/11/2014

Ruba auto: 14 mesi

Il 39enne di Oderzo è anche in attesa del processo relativo alla rapina in una gioielleria di Motta

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×