13 novembre 2019

Castelfranco

Seppellisce gatto in un campo, riesumato da polizia e trovato con segni di proiettile

I fatti a Fanzolo. Sequestrata carabina con cannocchiale di precisione

commenti |

commenti |

VEDELAGO - È di questi giorni il verbale consegnato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Treviso, con il quale la Polizia Provinciale segnala un accertamento con sequestro eseguito in Comune di Vedelago, località Fanzolo.

 

Queste le dinamiche dei fatti. Durante il servizio di vigilanza e controllo antibracconaggio, agenti della Polizia Provinciale vengono insospettiti da alcune azioni compiute in modo furtivo e guardingo da parte di un uomo sulla sessantina il quale, uscito dalle pertinenze della propria abitazione attraverso un passaggio precario della recinzione, scavava una buca nel campo di grano adiacente.

Successivamente con la pala stessa, nell’area di sua proprietà, prelevava un animale morto per poi sotterrarlo nella cavità appena ricavata. Gli uomini della Polizia Provinciale suscitati a sospetto dal comportamento dell’uomo, si presentavano presso l’abitazione, chiedendo di verificare quanto avvenuto.

Provveduto alla riesumazione dell’animale, gli agenti accertavano trattarsi di un gatto tigrato grigio e nero con evidenti segni di proiettile nella carcassa.

 

I riscontri sul referto fatto dal veterinario di zona confermano la presenza di proiettili e le successive analisi effettuate dall’Istituto Zooprofilattico di Treviso, riscontrano che il felino ha subito la perforazione dei polmoni con un foro di proiettile di circa 4-5 cm.

Le indagini conseguenti, presso la casa della persona indagata, portano al sequestro di una carabina calibro “22” provvista di cannocchiale di precisione; verbalizzati tutti gli accertamenti eseguiti nell’operazione, ora spetta alla Procura il prosieguo del procedimento.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×