21/11/2017foschia

22/11/2017quasi sereno

23/11/2017variabile

21 novembre 2017

Castelfranco

Sesso a tre a 13 anni, il video diffuso su WhatsApp

Minorenni accusati di violenza sessuale e pornografia minorile

commenti |

CASTELFRANCO - 13 anni, un rapporto sessuale a tre. Un video diffuso, attraverso WhatsApp, a migliaia di ragazzini trevigiani.

Tre minori, tra i 14 e i 15 anni, sono stati denunciati dai carabinieri di Castelfranco Veneto per aver inviato ad un migliaio di coetanei un filmato in cui si vedeva una 13enne compiere rapporti sessuali con due dei giovanissimi indagati. I tre sono accusati di violenza sessuale e pornografia minorile.

 

L'indagine dell'Arma è iniziata dalla denuncia del padre della vittima, informato dal nipote, tra i destinatari del video. I carabinieri hanno così appreso che, alcune settimane fa, la ragazzina, al terzo anno della scuola media, era stata avvicinata più volte dai giovani che l'hanno poi convinta a seguirli in un garage e, mentre uno faceva da palo, a compiere atti sessuali.

Il tutto è stato ripreso col telefonino e i filmati sono stati poi inviati a un migliaio di ragazzi. La 13enne, particolarmente scossa, è ora seguita da uno psicologo e si sarebbe rifiutata di tornare a scuola.

 

Il fenomeno dello scambio attraverso il web o smartphone di fotografie sessualmente esplicite "è un'emergenza sociale di cui si devono occupare tutti, istituzioni comprese". Lo ha detto il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro, intervenendo sulla vicenda di una rete composta da adolescenti attiva in questo ambito scoperta nei giorni scorsi nel trevigiano.

"La prevenzione non basta - ha aggiunto, richiamando iniziative educative in questo senso adottate da tempo dalla Provincia stessa - se accanto non vengono prese anche altre misure. Si tratta, anche in questo caso, di una questione di legalità e sicurezza che deve essere affrontata come un problema appartenente a tutta la comunità, senza puntare il dito - ha concluso - esclusivamente sulle parti coinvolte".

 

(Nella foto la conferenza stampa dei carabinieri in cui è stato illustrato il caso)

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×