22 luglio 2019

Nord-Est

Sgominato impero economico italo-cinese

Traffico di clandestini, prostituzione. Sotto sequestro appartamenti, negozi, auto, un hotel

commenti |

VENEZIA - Una organizzazione criminale composta da cinesi e insospettabili 'colletti bianchi' italiani che in pochi anni avevano creato secondo le indagini un impero economico, grazie al traffico di clandestini e allo sfruttamento della prostituzione di cinesi è stata sgominata dalla Guardia di finanza del Gico di Venezia, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia lagunare. Undici le persone arrestate e sequestrati beni, tra cui un hotel, per una ventina di milioni di euro.

 

L'operazione delle Fiamme gialle del Gico è scattata nelle prime ore di stamane, giovedì. Le indagini, supportate anche dal Secondo reparto (analisi e relazioni internazionali) del Comando generale della Gdf e dallo Scico, hanno portato all'emissione da parte del gip di Venezia di nove custodie cautelari in carcere, di due arresti domiciliari e tre divieti di dimora. Sotto sequestro sono finiti 60 tra appartamenti, negozi, centri massaggi cinesi, auto di lusso, conti correnti bancari oltre ad un albergo.

 

Oltre cento le perquisizioni in corso in tutto il Veneto. Secondo quanto scoperto, il meccanismo era quello di fare investimenti immobiliari e commerciali grazie ai soldi illeciti derivanti dallo svolgimento di pratiche di immigrazione o ricongiungimento familiare di cinesi, in parte poi avviati alla prostituzione, avvalendosi secondo le indagini della collaborazione di alcuni italiani "esperti nello sfruttare al meglio il sistema burocratico che regola l'immigrazione.

 

Il sistema, secondo quanto accertato, era capeggiato da 'Luca' Pan Keke, detto "il Re di via Piave" (Mestre), che proprio in quella zona aveva avviato la sua attività poi sviluppatasi in intere zone di altre città venete. Oltre 150 i finanzieri impegnati nell'operazione.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

14/03/2018

Fiamme Gialle in classe

La Guardia di Finanza ha incontrato gli alunni dell'istituto comprensivo di Ponte di Piave parlare di cultura della legalità economica

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×