19/07/2018sereno

20/07/2018possibile temporale

21/07/2018possibile temporale

19 luglio 2018

Vittorio Veneto

Si rifiutano di dar da bere all'ubriaco, gestori del River Pub pestati a sangue

L'aggressione nel noto locale di San Giacomo di Veglia a Vittorio Veneto

commenti |

VITTORIO VENETO - Presi a pugni, bottigliate e calci da un cittadino di origine marocchina, che visibilmente ubriaco si era presentato al loro bar.

 

Sfortunati protagonisti della vicenda i gestori del River Pub di San Giacomo di Veglia, che sono finiti al pronto soccorso dopo l’aggressione. Rei di essersi rifiutati di dare da bere, ancora, all’uomo. Si tratta di un 34enne, già noto alle forze dell’ordine, che lunedì sera si è presentato al locale chiedendo da bere.

 

Al rifiuto, si è messo a insultare ed inveire contro i proprietari: neanche la minaccia di chiamare i Carabinieri lo ha fatto desistere dal prendere una bottiglia di birra dal banco e dal mettersi a consumarla. Come riporta il Gazzettino, sul posto sono intervenuti i Carabinieri, che hanno provveduto all’identificazione del 34enne.

 

Appena però i militari se ne sono andati, l’uomo ha cercato di rientrare, e la moglie del titolare ha cercato di impedirglielo: a quel punto è scattata l’aggressione, con bottigliate alla fronte della donna e pugni.

 

Il marito ha invece ricevuto un pugno in faccia e un calcio nel fianco. L’aggressore è scappato in bici, ma è stato fermato dai Carabinieri. La donna è invece stata portata al Pronto Soccorso dall’ambulanza. Per lei la prognosi è di 15 giorni.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×