16 settembre 2019

Siamo ciò che mangiamo

Categoria: Altro - Tags: Alimentazione

immagine dell'autore

Eva Da Ros | commenti | (2)

Il tema del cibo coinvolge tutti, senza esclusioni. Tutti infatti dobbiamo mangiare. Che poi alcuni se ne curino poco è un altro discorso, anche se, prima o poi, dovranno probabilmente farci i conti. Perchè siamo ciò che mangiamo.

Nasce così l'idea di questo spazio virtuale in cui trovare spunti di riflessione per migliorare il proprio stile alimentare, perchè prendersi cura della propria alimentazione significa prendersi cura di sé. Possediamo una macchina meravigliosa che ha bisogno delle nostre attenzioni perchè possa funzionare a lungo.

Per comprendere i capisaldi di una corretta alimentazione dobbiamo pensare all'evoluzione dell'uomo: per 2 milioni di anni è sopravvissuto cibandosi del cibo raccolto in natura e delle prede catturate sporadicamente. E su quel tipo di alimentazione si è evoluto il nostro apparato digerente, molto più lungo per esempio degli animali carnivori e dunque adatto a digerire grandi quantità di cibi vegetali (frutta, verdure, legumi, cereali, semi, frutta secca, radici e tuberi) e minori quantità di cibi animali.

Mentre fate la spesa chiedetevi se quello che state mettendo nel carrello sia naturale o “inventato” dall'industria alimentare (es. merendine): nel secondo caso mangerete probabilmente grandi quantitativi di zucchero e sale, grassi idrogenati inesistenti in natura, additivi e dolcificanti artificiali. Ma soprattutto non mangerete sufficienti quantità di nutrienti protettivi, che si saranno persi per strada nel processo di trasformazione. Vi riempirete di calorie, ma di scarsa qualità: il vostro corpo avrà un pieno di energia da consumare, ma sarà carente di quei preziosi micronutrienti che permetterebbero agli ingranaggi del motore di funzionare correttamente.

 

 



Commenta questo articolo


Benvenuta Eva. Interessante il tuo post. Il problema è: chissà se riuscirò a formulare un pensiero alimentar-mente corretto mentre corro tra gli scaffali guardano (anche) al prezzo!

segnala commento inopportuno

Un nuovo modo per tenersi in forma: la corsa tra gli scaffali! E' vero, le prime volte si perderà un po' di tempo in più per crearsi un paniere personalizzato di cibi immancabili nelle nostre dispense, le volte successive si va veloci, metodiche, precise in quella corsia, a quello scaffale, a quel prodotto. Puntanto alla qualità (spesso) si risparmia.

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×