16 dicembre 2019

Nord-Est

Simulano il sequestro dell'amico per l'addio al celibato. Bloccati da forze dell'ordine armate

Lo scherzo procura allarme: polizia, carabinieri e nucleo investigativo all'opera

commenti |

commenti |

Simulano il sequestro dell'amico per l'addio al celibato. Bloccati da forze dell'ordine armate

Scena del pazzo addio al celibato di "Una notte da leoni"

VICENZA - Uno scherzo da buontemponi che rischia di assumere rilevanza penale quello che 9 giovani vicentini hanno architettato sabato nei confronti di un amico prossimo alle nozze, che hanno finto di sequestrare per portarlo, in realtà, all'addio al celibato. Ora il gruppo rischia una denuncia, perché la chiamata al 112 giunta ai carabinieri ha fatto scattare un allarme vero, che con lo scherzo aveva poco a che vedere.

 

Una coppia di cittadini aveva riferito di aver assistito al presunto sequestro in centro a Schio (Vicenza): un gruppo di persone, incappucciate, che sceso da due autovetture aveva aggredito, picchiato e costretto a salire in auto un giovane che camminava lungo il marciapiede. Elementi che non potevano che far pensare ad un rapimento.

 

I carabinieri hanno fatto partire il dispositivo conseguente in questi casi: posti di blocco sulle strade, tutte le pattuglie sul territorio allertate, in campo anche gli specialisti in sequestri del nucleo investigativo. Poco dopo una delle auto ricercate è stata intercettata al casello di Thiene della A31 Valdastico. I carabinieri, armi in pugno e con tutte le precauzioni del caso, hanno imposto l'alt.

 

In breve i componenti del presunto commando e il 'rapito' sono stati portati in caserma a Vicenza. Qui, spaventati, hanno spiegato che si era trattato solo di uno scherzo, che il fine era solo quello di portare il futuro sposo ad un addio al celibato a sorpresa. Rischiano una denuncia per procurato allarme.

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×