23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

25/10/2017sereno con veli

23 ottobre 2017

Agenda

Sky is not the limit

Feste e folklore

quando Venerdì 19 maggio alle ore 18.30
dove Castelfranco Veneto
organizzazione Notorious Agency

E’ possibile visitare il Metropolitan o il Guggenheim di New York rimanendo tranquillamente seduti nel salotto di casa? Oppure inventare il proprio, personale Palazzo della Memoria – con opere d’arte e oggetti provenienti da tutto il mondo - e visitarlo quotidianamente?

 

La rivoluzione digitale consente di dare risposte positive a domande che, fino a poco tempo fa, esigevano secchi rifiuti e tutto ciò può accadere attraverso lo scenario della Realtà Virtuale (VR).

 

In Veneto chi esplora maggiormente gli ambiti della Realtà Virtuale è l’Agenzia Notorious di Castelfranco Veneto che il 19 maggio, nel corso dell’evento “Sky Is NOT the Limit”, presenterà la propria applicazione – Notorius VR Experience – che consentirà d’accedere a questo ambito particolarissimo.

 

“La nostra ricerca nell’ambito della Realtà Virtuale è fortemente incentrata nel settore della comunicazione – che è, d’altro canto, il nostro specifico core lavorativo – perché molte importanti realtà produttive ci richiedono modelli e ambienti che rappresentino la realtà per ottimizzare le politiche di marketing”.

 

E’ Marco La Fiura, amministratore di Notorious, che spiega più semplicemente la Realtà Virtuale utilizzata in ambito commerciale: “Se, per esempio, un cliente d’un mobilificio vuole arredare in un certo modo la propria casa è possibile ricreare virtualmente, attraverso la nostra applicazione, gli spazi e sostituire, di volta in volta, gli elementi d’arredo per confrontare le possibili soluzioni.

 

Al tempo stesso, ed è persino più importante, si possono creare ambienti che non esistono ancora, per valutarne la desiderabilità da parte dei fruitori. Ma tutto ciò sono solo degli esempi, perché i settori e i modi d’utilizzo di Notorious VR Experience sono innumerevoli”.

 

La rivoluzionaria applicazione sarà il cardine di “Sky Is NOT the Limit”, il 19 maggio alle ore 18.30. La scoperta della Realtà Virtuale sarà corredata dalle esibizioni di due Dj Set seminali dell’hip hop italiano – Roc Beats aka Dj Shocca e MudBuddy – e, contemporaneamente, l’artista bolognese Mambo s’esibirà in un gig di pittura dal vivo.

 

“Crediamo che questo sia il modo più giusto per consacrare sette anni di lavoro quasi frenetico, che ci ha portato a cambiare tre sedi di lavoro perché lo spazio diventava troppo velocemente ridotto rispetto alle nostre esigenze.

 

La presentazione della nostra applicazione della Realtà Virtuale è anche l’occasione per inaugurare degnamente la nostra sede in Vicolo Sant’Antonio a Castelfranco Veneto”.

 

Se si chiede a Lisa Pietrobon e a Marco La Fiura – i due soci di Notorious Agency – se la piccola città non sia un limite per una simile iniziativa, la risposta è quantomeno sorprendente: “La nostra personale esperienza ci fa pensare che, per determinate competenze, sia la grande città a guardare alle realtà locali piuttosto che il contrario.

 

Non si spiegherebbero altrimenti gli incarichi che ci vengono affidati da realtà produttive importanti. Parrebbe che, mai come ora, certe particolari specificità attecchiscano più nei piccoli borghi che nelle grandi città”.

Altri Eventi nella categoria Feste e folklore

Conegliano

27/10/2017 dalle 23:00 alle 04:00 - viale italia 114 conegliano

Penelope.

Soul Club Conegliano

Vazzola

29/10/2017 dalle 09:00 alle 15:00 - Borgo Malanotte - Tezze di Piave (Vazzola - TV).

"DRIO LA PIAVE".

14^ biciclettata sui luoghi della Grande Guerra

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×