22/05/2019possibile temporale

23/05/2019variabile

24/05/2019parz nuvoloso

22 maggio 2019

Ambiente

Sono made in Italy i primi maglioni in denim riciclato e rigenerato.

AdnKronos | commenti |

Roma, 7 mar. - (AdnKronos) - Del jeans non si butta via niente. Rifò, giovane brand pratese della moda ecosostenibile, è la prima azienda di moda al mondo che, dopo mesi di studi e ricerche, è riuscita a creare un filato derivato da tessuto denim riciclato e rigenerato, con cui ha dato vita a una collezione di maglioni leggeri e resistenti, realizzati in tessuto piqué, con piccoli motivi in rilievo. Il tessuto in denim una volta trinciato e trasformato in un nuovo filato (composto da cotone 97%) non viene ritinto, così da non dover usare coloranti, e per questo mantiene lo stesso colore del denim originario, in due tonalità scura e chiara.

Tutti i jeans, utilizzati per la produzione della collezione, sono raccolti in Italia e con la realizzazione di un singolo capo se ne recuperano ben 5, destinati alla discarica o all’inceneritore. Grazie al processo produttivo ideato da Rifò per creare un maglione in denim si utilizzano solo 80 litri di acqua contro i 3000 litri richiesti da un maglioncino in cotone vergine, riducendo, rispetto a un capo nuovo: del 97% l’uso di acqua, del 77% quello dell’energia, del 95% le emissioni di Co2 e del 100% l’uso di coloranti e prodotti chimici.

Per Niccolò Cipriani, co-founder di Rifò insieme a Clarissa Cecchi, si tratta di "un grande passo avanti nel riciclo di uno dei capi meno sostenibili del panorama dell’abbigliamento. Inoltre, da sempre attenti alla qualità dei nostri prodotti, così come alla sostenibilità ambientale e alla responsabilità nella produzione, realizziamo i maglioni in jeans, insieme a tutte le altre collezioni, a Km 0 nel distretto tessile di Prato. Questo perché producendo localmente si limita il consumo di carburante, si creano opportunità di lavoro per il territorio e si ha la certezza della qualità e dell’eticità del processo produttivo”.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×