27/06/2017temporale e schiarite

28/06/2017temporale forte

29/06/2017piovaschi e schiarite

27 giugno 2017

Treviso

Sorelle anziane aggredite in casa a Treviso

Una è finita in ospedale. Zaia: “Spero responsabili presto in galera”

commenti |

TREVISO – Due sorelle anziane di 83 e 85 anni sono state aggredite e malmenate da ignoti ieri sera in casa, all’interno di un condominio nei pressi della stazione ferroviaria di Treviso.

Un’azione brutale, che ha fatto finire una delle due in ospedale. Sull’accaduto ora stanno indagando i carabinieri di Treviso, intervenuti sul posto insieme ai sanitari del 118 per soccorrere le due sorelle.

 

Sull’accaduto interviene il governatore del Veneto Luca Zaia. “Siamo di fronte ad un vero e proprio allarme anziani: rapinati, aggrediti per i moventi più svariati, truffati, fatti oggetto di violenze sempre più efferate – afferma Zaia -. Da parte di criminali ma, purtroppo, a volte, anche di figure a loro vicine, come ci hanno riportato anche le cronache recenti. Mi auguro che gli inquirenti possano assicurare presto alla giustizia chi ha aggredito le due anziane sorelle di Treviso e che quella giustizia abbia la forza di tenerli dentro dove meritano, per tutto il tempo che meritano”.

“Non è un Paese civile – aggiunge Zaia – quello che non riesce a proteggere i suoi cittadini più deboli, non lo è un Paese nel quale gli anziani sono quotidianamente nel mirino di malfattori che, oltre ad essere dei criminali, sono anche dei vigliacchi, che se la prendono con chi non può difendersi”.

 

“Mi rendo ben conto – prosegue il governatore – che non è pensabile realizzare una difesa ad personam, ma mi appello alla sensibilità e alla generosità di ognuno. Se avete, se abbiamo, anziani che vivono vicino a noi, che siano parenti o no, dedichiamo loro qualche minuto del nostro tempo: una breve visita per accertarsi che stiano bene, una telefonata, un minimo di attenzione se percepiamo che qualcosa non va, una telefonata alle forze dell’ordine se temiamo che possa essere accaduto un evento negativo. Un vicino sensibile, un parente affezionato, possono fare molto, anche evitare tragedie”.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×