23/05/2018pioggia debole

24/05/2018possibile temporale

25/05/2018quasi sereno

23 maggio 2018

Vittorio Veneto

Il sottopasso della bretella Pinto in preda al degrado

Scritte blasfeme e inneggianti alla droga nel passaggio "fantasma"

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Il sottopassaggio della bretella Pinto, in via Mascagni, torna a far parlare di sé. A risollevare la questione ci ha pensato Michele Bastanzetti del Sac (SocietàAmbienteCultura), che ha sottolineato le condizioni di pericolosità e degrado dell’area.

 

“Sin da quando questo sottopasso ciclopedonale venne inaugurato, non lo usò praticamente nessuno. Lo dimostra il sentiero (nella foto al centro, ndr) percorso da pedoni, carrozzelle, bici e moto, che - piuttosto che infilarsi nel sottopasso - preferiscono attraversare in superficie la bretella stessa, con un rischio elevatissimo vista la mancanza di strisce pedonali e la velocità pazzesca che su quella strada tengono le automobili” denuncia il portavoce di Sac.

 

 

Spesso, inoltre, il sottopassaggio è finito sott’acqua, ed è poco utilizzato anche per le lunghe rampe di salita e discesa che lo contraddistinguono. Ma non sono solo queste le ragioni che lo portano ad essere un passaggio “fantasma”.

 

“E’ anche poco raccomandabile – aggiunge infatti Bastanzetti - visto che ben presto ha cominciato ad ospitare frequentazioni sospette. Da un po’ tali frequentazioni si sono fatte più radicate e gli indizi lasciati dagli autori paiono inconfondibili. Scritte allucinate e blasfeme, contro la polizia, inneggianti alla droga, lampade rotte, rifiuti, la staccionata divelta, sono stati segnalati di recente anche resti di piccoli fuochi”.

 

Secondo il portavoce, si tratta dell’ennesima “zona di degrado assoluto da bonificare”, dopo l’area di San Gottardo (con i continui vandalismi ai danni della chiesetta) e il tunnel sotto la Ferrovia, verso il sentiero “Direttissima” del Monte Altare.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×