30/04/2017quasi sereno

01/05/2017piovaschi e schiarite

02/05/2017sereno con veli

30 aprile 2017

Spalletti: "Il mio contratto non è nell'uovo di Pasqua".

Altri Sport

Roma, 14 apr. (AdnKronos) - "Essere l'avversario di una Juventus così forte, potrebbe cambiare le mie valutazioni per il futuro? Il mio contratto non è nell'uovo di Pasqua, ne possiamo aprire quante ci pare ma non sarà lì dentro, mentre è ancora aperta la possibilità di quello che è il nostro modo di lavorare, tentando di fare il possibile perché la matematica non ci condanna". Il tecnico della Roma Luciano Spalletti continua a non svelare cosa farà in futuro, decisione rimandata ancora a fine stagione. "Rimaniamo concentrati e applicati per finire nel miglior modo possibile la nostra corsa e questo per il momento lascia apertura e per questo si andrà a valutare poi in fondo", ha aggiunto Spalletti.

"Se esiste qualcosa di equivalente ad un trofeo? Ormai si va in fondo al campionato. Se vi stimolano i contratti sono altri che sono più importanti del mio. Esiste un modo di ragionare, di essere coerente per come ho vissuto queste due stagioni. Esiste un percorso fatto dove si fanno delle valutazioni, ti immagini delle cose ma poi ne succedono altre, poi tu arrivi in fondo e si traggono le conclusioni e si decide quello che sarà. Tenendo in conto tutto, non fregandosene di tutto ma per quello che mi riguarda si va in fondo al campionato", ha proseguito Spalletti tornando sul suo contratto, ma poi ponendo l'attenzione su quello di Daniele De Rossi.

"Mentre per quanto riguarda il contratto quello importante è quello di De Rossi, secondo me, perché è un giocatore forte e che se non hai devi cercare fuori. Se va via guadagni niente ma per ritrovarlo devi spendere molto, secondo me è quello un contratto importante. Si corre il rischio di dover subire lo stesso pentimento che hanno vissuto i dirigenti del Milan quando Pirlo è passato alla Juventus. Daniele può fare ancora campionati importanti. Queste sono cose importanti per una società. Di allenatori ce ne sono tanti bravi più giovani di me".

 



Loading...

Commenta questo articolo


Le società Sportive


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Una famiglia su 10 in grave difficoltà economica in Italia. Di chi è la colpa?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.912

Anno XXXVI n° 8 / Giovedì 27 aprile 2017

DON ROMUALDO CAPPELLANO DEI CIRCHI D'ITALIA

Don Romualdo. Il prete (circense) più anziano della diocesi. Cappellano dei circhi di tutta Italia, parroco degli operai, zarlatan de Zeneda. Monsignor (ma non chiamatelo così!) Baldissera ha 96 anni.

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×