21/08/2017quasi sereno

22/08/2017quasi sereno

23/08/2017quasi sereno

21 agosto 2017

Sposarsi in città: matrimonio a Treviso

- Tags: sposi, sposarsi a Treviso, matrimoni non convenzionali

immagine dell'autore

Sara Mucci | commenti |

Scegliere di sposarsi in una città con un matrimonio molto intimo e pochi invitati è' una tra le tendenze wedding più in voga per il prossimo anno. Anche a Treviso.

Sono sempre più gli sposi, soprattutto stranieri, che scelgono mete non convenzionali, al di fuori delle normali rotte turistiche, ma allo stesso tempo abbastanza vicine per raggiungerle, per celebrare il matrimonio.

E Treviso, con il suo paesaggio incantevole fatto di storia, tradizioni, buon cibo e ottimo vino è, proprio per questo, una meta sempre più ambita dalle coppie di sposi.

Quello del matrimonio "urbano" è un trend che sembra proprio si svilupperà in maniera esponenziale nei prossimi anni, vista la tendenza sempre più diffusa di preferire i matrimoni intimi, con pochi invitati, lontano dalla propria zona di residenza e facilmente raggiungibili.

E Treviso ha davvero tutte le carte in regola per poter diventare una città "wedding friendly", se anche tutti gli operatori turistici e commerciali riuscissero a percepirne il potenziale. Perchè?

1. Treviso è al centro di un territorio unico che abbraccia le Dolomiti e si estende fino alla laguna di Venezia, con lo scenario unico delle colline del Prosecco e del Montello
2. L'aereoporto di Treviso, con i suoi pro e contro, è comunque uno snodo importante e sempre più frequentato da turisti, e non, di ogni nazione
3. Il centro storico di Treviso è così suggestivo da essere un'ottima scenografia per un servizio fotografico con un sapore "made in Italy"
4. ci sono un'infinità di possibili location per celebrare il matrimonio, per organizzare il ricevimento più o meno glamour e molte eccellenze artigianali - l'offerta commerciale (e le coppie ne sono sempre più attente) è sicuramente più interessante di quella che offre Venezia

Sono davvero molti gli aspetti su cui si potrebbe (e forse si dovrebbe) credere, investire e comunicare!



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×