19/12/2018nuvoloso

20/12/2018pioviggine

21/12/2018nubi basse e schiarite

19 dicembre 2018

Economia e Finanza

Spread, cosa cambia per i cittadini

commenti |

Tre mesi senza governo e la situazione da rebus per l'esecutivo della XVIII legislatura non aiuta il mercato italiano. E così, negli ultimi giorni, lo spread è tornato a salire con picchi anche sopra i 300 punti per poi ridiscendere. Il differenziale tra il rendimento dei Btp decennali e quello dei corrispondenti Bund tedeschi è la misura della differenza tra quanto rende il titolo di Stato di un Paese (ovvero, il titolo emesso per finanziare le proprie spese o per pagare i suoi debiti) e quanto rende il titolo di Stato di un Paese più virtuoso.

 

PERCHÉ AUMENTA - Lo spread aumenta perché gli investitori (chi compra i titoli di Stato italiani, quindi il debito pubblico) cominciano a pensare che l'andamento crescente del debito non sarà invertito. Dunque, continuano a comprare i titoli italiani convinti che aumenterà il loro rendimento. Lo spread aumenta o diminuisce in funzione della fiducia dei risparmiatori sul fatto che il Paese che emette il titolo possa ripagare il suo debito. Mentre, se lo spread resta basso, ciò significa che gli investitori si fidano che sarà invertito.

 

COSA CAMBIA PER I CITTADINI? - Chi perde per il deprezzamento dei Btp - oltre alle banche, titolari di molti Buoni del tesoro - è l'insieme dei risparmiatori che hanno comprato il nostro debito e che, se volessero venderlo, si ritroverebbero con un titolo che perde valore ogni volta che lo spread aumenta. E circa il 70% del debito, ricorda Veronica De Romanis, docente di politica economica europea alla Luiss e alla Stanford University di Firenze, è nelle mani degli italiani.

 

E I MUTUI? - Per quanto riguarda i tassi di interesse sui mutui, dipende dal tipo di investimento che è stato fatto: ovvero, se i tassi sono fissi o variabili. Con l'aumento dello spread, può aumentare il tasso di interesse sui mutui e quindi i risparmi delle famiglie si riducono; le imprese, invece, finiscono per pagare di più per avere un prestito e potrebbero decidere di fare meno investimenti, considerando il futuro più incerto.

 

LO STATO - In sostanza, se cresce lo spread, uno Stato vedrà aumentare il proprio debito senza fare una spesa in più. Se il tasso del debito si abbassa, sarà più facile rimborsarlo. Se al contrario diventa alto, sarà più difficile pagarlo. Infine, il Quantitative Easing. Secondo quanto annunciato dal governatore della Bce, Mario Draghi, l'acquisto di titoli di Stato dalle banche per immettere nuovo denaro nell'economia dovrebbe finire in autunno. E, inoltre, dal 2019 ci sarà un nuovo presidente alla Banca centrale europea.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×